Per la prima volta, gli astronomi hanno osservato i colossali venti delle galassie

Per la prima volta, gli astronomi hanno osservato i colossali venti delle galassie
di

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy descrive l'osservazione, per la primissima volta, di un massiccio deflusso di gas che si estende per centinaia di migliaia di anni luce da una galassia.

Si tratta della prima prova diretta dei venti galattici che vengono alimentanti dal mezzo circumgalattico, le vaste nuvole di gas che fluttuano nello spazio intergalattico e che si allungano da una galassia all'altra, avvolgendole.

Il protagonista dello studio è SDSS J211824.06 + 001729.4, non si tratta di un oggetto ordinario, ma di una specie di Frankestein galattico composto da due insiemi stellari che si sono scontrati e fusi diverso tempo fa, formando una struttura compatta ed enorme.

Utilizzando il Keck Cosmic Web Imager, il team dietro lo studio ha mappato una regione di ossigeno ionizzato caldo che copre 4.900 kiloparsec quadrati. Ci sono due deflussi separati, il primo è stato "lanciato" circa 400 milioni di anni fa e sta correndo nello spazio intergalattico a una velocità di 1.400 chilometri al secondo; mentre il secondo, che si sta dirigendo nella direzione opposta, si è creato 7 milioni di anni fa, e viaggia a una velocità di 2.100 chilometri al secondo.

"Il precedente deflusso è ormai arrivato a grandi distanze dalla galassia, mentre il recente deflusso rapido non ha avuto il tempo di farlo", ha spiegato il fisico David Rupke del Rhodes College. Per studiare questo vento, gli astronomi hanno dovuto osservarlo con diversi strumenti, come Hubble e l'Atacama Large Millimeter / submillimeter (ALMA).

A produrre il vento è stata la formazione massiva di stelle innescata dalla fusione galattica. La forma è simile a quella osservata in altre galassie, tuttavia, ad impressionare sono le dimensioni: mai prima d'ora si sono visti venti galattici di questa scala (qui il video in 3D dell'aspetto).

Quanto è interessante?
6
Per la prima volta, gli astronomi hanno osservato i colossali venti delle galassie