Gli astronomi sono riusciti ad osservare il "lato oscuro" della Via Lattea

Gli astronomi sono riusciti ad osservare il 'lato oscuro' della Via Lattea
di

Sebbene sia relativamente vicino a noi, il lato più lontano della Via Lattea è una delle parti più difficili da vedere. In astronomia, infatti, ci sono attualmente diverse domande che riguardano questa misteriosa parte della nostra galassia.

Grazie a un nuovo studio però, siamo riusciti a tracciare una mappa di oltre 1.100 nuove stelle che si trovano nel "lato oscuro". Questo ci ha permesso di comprendere meglio la forma della galassia in cui viviamo.

Le stelle appena scoperte sono tutte Cefeidi, un tipo di astro che pulsa regolarmente e che viene spesso utilizzato come oggetto standard di misurazione dell'Universo.

Questa scoperta "renderà i calcoli molto più accurati", afferma István Dékány, autore principale del nuovo studio e ricercatore presso il Center for Astronomy dell'Università di Heidelberg. Il lato più lontano della galassia è stato soprannominato la Zona Galactica Incognita a causa della sua natura, che gli scienziati hanno cercato di scrutare dagli anni '50.

Tra noi e questa misteriosa zona esistono delle "nuvole" di polvere cosmica che ci impediscono di scrutare oltre. Il nuovo studio, accettato per la pubblicazione sull'Astrophysical Journal e pubblicato online sul sito di prestampa arXiv, ha utilizzato una raccolta di immagini vicine all'infrarosso che sono state raccolte in cinque anni.

Oltre a mappare le posizioni delle nuove stelle, lo studio ha anche misurato la loro età. Poiché la velocità con cui cambia la luminosità di queste stelle è correlata alla loro anzianità. I risultati hanno mostrato che le stelle più giovani tendono ad essere verso il centro della galassia, mentre quelle più vecchie più lontane. Uno schema ancora, relativamente, incompreso.

FONTE: astronomy
Quanto è interessante?
6