Gli astronomi, veri e propri "investigatori" cosmici. Ecco come cercano le supernove

Gli astronomi, veri e propri 'investigatori' cosmici. Ecco come cercano le supernove
di

Nulla dura per sempre. Tutto nell'Universo nasce e muore. Così accade anche alle stelle più luminose, che alla fine esauriscono il carburante e collassano in una massiccia esplosione chiamata supernova.

Come si fa a cercare una supernova? Normalmente vediamo le stelle dalla luce che emettono, tuttavia, una volta esplose, le stelle non scompaiono del tutto. Gli astronomi cercano gli indizi che vengono lasciati dalla supernova nel mezzo interstellare, la sottile diffusione di polvere e gas che riempie lo spazio tra le stelle.

Usando il gigantesco telescopio Murchison Widefield Array (MWA), sono state scoperte 27 delle più deboli impronte di esplosioni stellari che abbiamo mai visto, in un enorme set di dati che chiamano GLEAM. Tuttavia, ci sono un paio di cose che rendono complicata la caccia alle stelle e che fanno del MWA lo strumento perfetto per trovarle.

Il primo problema è che non stiamo cercando "qualcosa", ma lo spazio vuoto in cui una volta c'era qualcosa. Una supernova raccoglie con sé tutta la polvere e il gas interstellare nelle vicinanze, facendola increspare nello spazio e lasciando dietro di sé una bolla vuota. Questo è ciò che gli astronomi cercano, una "bolla vuota".

Col passare del tempo, però, quel vuoto vuoto inizia a riempirsi di polvere e gas. E se l'area intorno alla supernova non dovesse avere molta polvere e gas, potrebbe non esserci molto da cercare. Il secondo problema, invece, è che non possiamo cercare questi "cadaveri" con i nostri occhi o con un normale telescopio.

Fortunatamente, il MWA ci consente di vedere il cielo notturno usando le onde radio, alcune delle più deboli e basse energie che possiamo rilevare. Gli astronomi, inoltre, fanno uso di alcune mappe del tesoro: avvistamenti di supernove del passato, che possono indicarci esattamente dove cercare.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
4