Attacco frontale di Benedetto Levi di Iliad agli altri operatori: "ci stanno ostacolando"

INFORMAZIONI SCHEDA
di

Benedetto Levi, il giovane amministratore delegato di Iliad, l'operatore telefonico italiano che debutterà nel nostro paese nel corso della prossima estate, di recente si è concesso al Business Insider per una lunga intervista nel corso del quale ha affrontato dei temi più o meno interessanti, fornendo molti spunti di discussione.

Nella fattispecie, Levi ha definito inaccettabile la posizione degli altri operatori telefonici, affermando che il loro atteggiamento, "oggetto di recente di un’indagine dell’Antitrust, di coordinarsi e allinearsi sui prezzi e sulle tariffe a danno della concorrenza e dei clienti sia scandaloso e grave. In un altro paese sarebbe inconcepibile".

Il CEO ha anche lasciato intendere che sarebbe in atto qualche atteggiamento sinistro da parte dei concorrenti, e alla domanda su un possibile arrivo già in estate, dopo i numerosi rinvii, ha affermato che la compagnia conta di debuttare entro giugno, e che "i clienti non vedono l’ora, al contrario degli altri operatori telefonici, che ci stanno ostacolando in tutti i modi”, ad esempio "cercando di vincolare i clienti proponendo loro offerte da 24 mesi, così da bloccarli di fatto impedendo di passare a Iliad. Ma c’è anche chi, come Vodafone, alla fine del 2016, ha tentato di ostacolarci depositando all’ufficio brevetti il marchio Free, che è quello che il nostro gruppo utilizza in Francia per operare. Ma non ci fanno paura. Anzi, non vediamo l’ora di debuttare in Italia”.

Sulla strategia di mercato che ha intenzione di mettere in atto Iliad, Levi è chiaro: tagliare i prezzi e proporre tariffe semplici e trasparenti: "gli attuali operatori telefonici stanno riducendo i prezzi ma soltanto sulla carta. Nella pratica non lo stanno facendo affatto. E lo dimostrano i mille costi occulti delle tariffe, ma anche la decisione di abbassare da 30 a 28 giorni il periodo di fatturazione delle bollette telefoniche (poi per legge riportato a 30, ndr) e l’indagine dell’Antitrust che, come visto, sta verificando l’ipotesi di un cartello per tenere alti i prezzi. Noi lo diciamo da subito: le nostre tariffe saranno più basse ma anche trasparenti e semplici da capire“ ha concluso.

FONTE: BI
Quanto è interessante?
9