Le Aurore Boreali possono rallentare l'avanzata dei satelliti

Le Aurore Boreali possono rallentare l'avanzata dei satelliti
di

Gli scienziati hanno sempre saputo che i veicoli spaziali tendono a rallentare quando l'attività del Sole è più alta facendoli cadere più vicini alla Terra, ma in particolar modo durante le Aurore Boreali.

Le Aurore Boreali si creano quando delle particelle solari ad alta velocità colpiscono l'atmosfera terrestre. Nel 2015 è stata lanciata una missione per lo studio di questi bellissimi fenomeni visivi, dove è stato poi scoperto, dal The Rocket Experiment for Neutral Upwelling 2 (RENU2), che questi bellissimi fenomeni possono agire da "dossi di velocità" per i satelliti.

Nello specifico, RENU2 stava studiando le Poleward Moving Auroral Forms (PMAF), delle particelle più deboli di quelle che creano l'aurora boreale, che si formano più in alto (dai 240 ai 400 chilometri, mentre l'aurora boreale si forma a circa 95 chilometri dalla Terra) nell'atmosfera e sono meno energici.

I ricercatori dello studio, guidati da Marc Lessard dell'Università del New Hampshire, hanno poi pubblicato i loro risultati sul Geophysical Research Letters il 26 Marzo. Il team ha scoperto che nonostante le PMAF siano più deboli, la sua energia è più che sufficiente per riscaldare il satellite e farlo rallentare, questo fenomeno non è localizzato, ma si espande in aree più grandi di 15 chilometri.

Questi risultati ottenuti, non bastano agli scienziati per preservare i loro satelliti, ma possono tornare utili per cercare un modo per tenere in aria il dispositivo.

FONTE: astronomy
Quanto è interessante?
7