Austrian Airlines ha iniziato ad usare i droni per ispezionare i suoi Airbus A320

Austrian Airlines ha iniziato ad usare i droni per ispezionare i suoi Airbus A320
di

Austrian Airlines rivoluziona le ispezioni della sua flotta di aerei commerciali. Eh già, perché ora nell'hangar principale della compagnia, a Vienna, svolazzerà una coltre di droni ispettori, incaricati di monitorare lo stato degli aerei, individuando eventuali criticità nell'interesse della sicurezza dei passeggeri.

I droni sono equipaggiati con ben tre sensori laser, oltre che una videocamera da 12 megapixel. L'obiettivo dei droni è soprattutto quello di individuare eventuali micro-danni, come fori, ammaccature o altre segni di pericolo. La nuova procedura di controllo è meticolosa, tant'è che dura quasi un'ora. Poi, in uno step successivo, i dati vengono caricati su un PC per essere elaborati. È in questo momento che un esperto in carne ed ossa analizza di persona le rilevazioni dei droni, intercettando eventuali problemi alla struttura esterna dell'aereo e quindi programmando eventuali manutenzioni.

Due ore in totale, contro le 4 o addirittura 10 necessarie per le ispezioni tradizionali.

Il nuovo progetto è in collaborazione con la Donecle, azienda specializzata del settore. Oltre ad Austrian Airlines, anche EasyJet aveva sperimentato una tecnica di ispezione simile in passato.

Sono 36 i veicoli che, per il momento, verranno ispezionati in questo modo: sono tutti Airbus A320. Austrian Airlines vuole estendere questo processo anche ad altri aerei commerciali, ma ci vorrà del tempo.

Quanto è interessante?
1