Autopsia rivela strane "dita" che si nascondono sotto le pinne delle balene

Autopsia rivela strane 'dita' che si nascondono sotto le pinne delle balene
di

Recentemente su Twitter è stata pubblicata una foto inquietante da parte del curatore di erpetologia e assistente professore di zoologia dei vertebrati presso il Museo di storia naturale della Danimarca, il dottor Mark D Scherz. La foto mostra quello che si trova sotto le pinne delle balene, forse un retaggio evolutivo di un tempo: una "mano".

Alcune balene, infatti, un tempo erano animali terrestri a quattro zampe (così come testimonia questo fossile) e l'evoluzione potrebbe aver trasformato le sue zampe in delle pinne.

"L'evoluzione è come il bricolage", ha dichiarato Scherz. "Il riutilizzo di una struttura esistente è più facile e più probabile della produzione di una struttura completamente nuova 'da zero'. Quando i tetrapodi (animali a quattro zampe) emersero dai mari primordiali, accadde che il lignaggio di maggior successo avesse cinque dita delle mani e dei piedi".

Le pinne si sono evolute molto spesso in vari animali, sia mammiferi che rettili, ma la struttura fondamentale è sempre stata l'arto pentadattilo (la "mano" con cinque dita). La creatura protagonista dell'autopsia è un mesoplodonte di Sowerby, un cetaceo che raggiunge facilmente i cinque metri e i 1.000 chilogrammi di peso.

In questo caso il cetaceo si è spiaggiato ed è stato trovato morto. Quando succede non viene sprecato nulla, perché sono tantissime le istituzioni che analizzano il cadavere delle creatura dando un senso, in parte, alla sua morte.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
3