Ban di Trump su Twitter: parla finalmente il CEO Jack Dorsey

Ban di Trump su Twitter: parla finalmente il CEO Jack Dorsey
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo la gravosa decisione di sospendere permanentemente l'account Twitter di Donald Trump in seguito alle violenze di Capitol Hill, non era stato diramato alcun comunicato da parte dell'azienda. Per questo motivo leggiamo con interesse le prime dichiarazioni pubbliche di Jack Dorsey, CEO e co-fondatore di Twitter.

Il CEO dell'azienda ha pubblicato sul suo account personale una serie di dichiarazioni a freddo in merito alla questione, definendola "una giusta decisione per Twitter. Abbiamo dovuto affrontare una circostanza straordinaria e insostenibile, costringendoci a concentrare tutte le nostre azioni sulla sicurezza pubblica. Il danno "offline" [ndr. al di fuori di internet] derivante dalle discussioni online è tangibile ed è tutto ciò che ha guidato la nostra politica e le nostre restrizioni".

In un secondo post, Dorsey si lascia andare anche a delle riflessioni personali in merito, dicendo che "non festeggio né mi sento orgoglioso per aver sospeso Donald Trump da Twitter o per essere arrivati a questo punto" e successivamente che questo provvedimento rappresenta "un fallimento per noi nel promuovere dibattiti sani" nonché "un pericoloso precedente: il potere del singolo o di una corporazione su parte della conversazione pubblica globale".

In conclusione, il CEO di Twitter ha anche respinto le critiche secondo cui la sua società starebbe censurando una parte dell'opinione pubblica, affermando che "una società che prende una decisione aziendale di moderare la propria piattaforma è differente da un governo che opera in questo modo" che Twitter non si è mai coordinata con gli altri Social Network nell'imposizione di questo provvedimento.

Appare chiaro come si stia vivendo un periodo chiave nella storia di internet e non è dato sapere come questi avvenimenti influenzeranno in futuro il modo di comunicare sui social network. Ciò che traspare è che queste decisioni non saranno prive di conseguenze, sia dentro che fuori dal web.

Potrebbero interessarvi anche le dichiarazioni del CEO di Parler, il quale ha dichiarato che la piattaforma potrebbe non tornare più online.

FONTE: ENGADGET
Quanto è interessante?
1