Il baseball sbarca sulla blockchain: ecco gli NFT dell'MLB americana

Il baseball sbarca sulla blockchain: ecco gli NFT dell'MLB americana
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo l'annuncio dello sbarco degli Australian Open sul metaverso e l'avvio della collezione di NFT NBA Top Shots, ora anche l'MLB americana ha lanciato la propria collezione di NFT, che ha fin da subito fatto registrare profitti record, vicini a quelli della collezione inaugurata negli scorsi mesi dalla National Basketball Association.

In particolare, la Major League Baseball, o MLB, ha annunciato il proprio progetto di NFT insieme a Candy Digital nel corso dell'autunno, aprendo le vendite tuttavia solo lo scorso 15 gennaio. A quanto pare, le prime giornate di trading per gli NFT basati sulla stagione corrente di baseball sono andate decisamente bene, arrivando ad un risultato di 2,7 milioni di Dollari in termini di ricavi, di cui ben un milioni nelle prime otto ore dalla messa in vendita della collezione.

Al momento, il volume di trading della collezione si avvicina molto a quello degli NBA Top Shots, sviluppati e pubblicati nel 2021 dall'NBA insieme a Dapper Labs, che nel mese di gennaio si sono avvicinati ad un volume di trading giornaliero pari a due milioni di Dollari.

Le ottime vendite delle più recenti collezioni di NFT, fa notare Coindesk, potrebbero dipendere dalla situazione di instabilità del mercato delle criptovalute, che avrebbe convinto diversi suoi investitori a ripiegare su un mercato con più possibilità di crescita, cioè quello degli NFT.

Inoltre, l'abbassamento dei prezzi di valute come Ethereum tra la fine del 2021 e l'inizio di gennaio ha impattato positivamente sul mercato degli NFT, riducendo le gas fees necessarie per ogni transazione. Per esempio, il portale OpenSea ha dichiarato di aver avuto un gennaio da record, con il più alto volume di trading della storia del proprio negozio virtuale di Token non fungibili.

Ad ogni modo, il marketplace di Candy per gli NFT della MLB utilizza la blockchain a costo ridotto Palm, nota per le sue gas fees estremamente contenute rispetto a quelle di Ethereum. Candy Digital ha spiegato questa scelta dicendo che sono proprio le gas fees imposte da portali come OpenSea e Rarible, che usano la blockchain Ethereum, a rendere insostenibile il business model dello studio sui canali di vendita tradizionali.

Infatti, secondo il CEO di Candy Digital Scott Lawin, "Se vendi prodotti a 20 Dollari o 50 Dollari, le gas fees e i tempi di transazione sulla blockchain Ethereum sono un problema serio, mentre quelli sulla blockchain Palm sono pari a zero". Intanto, anche Coinbase sta creando un marketplace di NFT alla portata di tutti, dove si potranno addirittura fare acquisti con Mastercard.

FONTE: Coindesk
Quanto è interessante?
1