Bitcoin: crolla l'Hash Rate, altri problemi per gli investitori?

Bitcoin: crolla l'Hash Rate, altri problemi per gli investitori?
di

Il mese di Novembre non è stato facile per il Bitcoin, che ha perso gran parte del proprio valore prima di recuperare, seppur marginalmente. Le brutte notizie però non sembrano essere finite qui, perchè alcuni osservatori osservano anche che è diminuito l'Hash Rate.

Il Bitcoin, per chi non lo conoscesse, viene estratto attraverso la risoluzione di complessi problemi matematici. Quando la frequenza di hash aumenta, i blocchi vengono "scavati" più rapidamente, mentre il contrario si verifica nel momento in cui l'Hash Rate diminuisce. Per mantenere un tempo di blocco costante sui 10 minuti, il Bitcoin regola automaticamente la difficoltà di questi problemi ad intervalli di circa due settimane, per tenere conto delle nuove macchine che entrano ed escono dalla rete.

Negli ultimi anni tale difficoltà è aumentata, di pari passo con il vero e proprio boom dei prezzi del Bitcoin che è stato registrato lo scorso anno nel periodo di Natale. Il tutto è anche andato di apri passo ad una crescita sostenuta del tasso di hash.

Come riportato da CCN, l'Hash Rate del Bitcoin è letteralmente in declino da metà ottobre, in quanto i vecchi modelli di mining sono diventati obsoleti più velocemente e le aziende hanno iniziato a spegnere le macchine per evitare di operare in perdita.

Questo vero e proprio esodo dei minatori potrebbe portare ad un punto di non ritorno, con difficoltà per la rete. Alcuni analisti sostengono il calo dell'Hash Rate registrato di recente è il secondo più grave della decennale storia del Bitcoin, dopo quello del 1 Novembre 2011, quando il crollo fu del 18%, rispetto al 15% riportato attualmente.

Alcuni professori ed esperti come Atulya Sarin dell'Università di Santa Clara ritengono che questo recente calo indica che il mercato è entrato in una vera e propria "sperale della morte" in quanto il BTC trae il suo valore dal costo dell'attività di mining. Altri invece sono dell'idea che si tratta di un calo fisiologico e che potrebbe portare ad uno sviluppo sano del mercato.

FONTE: CCN
Quanto è interessante?
1