Bitcoin, ricercatore spegne i fan: il prezzo "crollerà" dopo il Merge di Ethereum

Bitcoin, ricercatore spegne i fan: il prezzo 'crollerà' dopo il Merge di Ethereum
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il mercato delle criptovalute sta lentamente cambiando: mentre il valore di Ethereum si alza in vista di The Merge, il prezzo di Bitcoin scende sotto i 20.000 Dollari per l'ennesima volta negli ultimi mesi. I risultati delle ultimissime settimane, secondo alcuni esperti, potrebbero essere il sintomo di un possibile "crollo" di BTC entro fine 2022.

In particolare, il ricercatore Kyle McDonald, intervistato da CoinDeskTV, ha spiegato che il prezzo di Bitcoin potrebbe "collassare" nelle prossime settimane, in seguito alle regolazioni sempre più stringenti degli Stati e delle organizzazioni internazionali, al sollevamento di legittime preoccupazioni sull'impronta ambientale della criptovaluta e, soprattutto, al completamento del Merge di Ethereum.

Secondo McDonald, infatti, il passaggio di Ethereum al Proof-of-Stake potrebbe "aprire gli occhi" agli investitori e ai regolatori, convincendoli che i meccanismi di validazione Proof-of-Work siano anacronistici e troppo dispendiosi in termini energetici, oltre che con delle ricadute ecologiche troppo gravi per non essere considerate. In altre parole, se The Merge dovesse avvenire senza successo, McDonald prevede un fuggi-fuggi dalle criptovalute basate su sistemi PoW tra gli investitori.

In uno scenario simile, la prima valuta a essere colpita sarà Bitcoin: la principale criptovaluta sul mercato, infatti, è un token "orgogliosamente" basato sul Proof-of-Work, dal momento che non sembrano esserci previsioni per il passaggio della blockchain BTC ad altri sistemi di consenso, come invece sta per avvenire per Ethereum.

McDonald ha aggiunto poi che il problema più grosso, per Bitcoin, è la "mancanza della coordinazione che ha invece Ethereum, che rende impossibile il passaggio al Proof-of-Stake". L'analista spiega che, dopo un Merge molto probabilmente positivo, il PoS potrebbe definitivamente imporsi come unico sistema di consenso valido per le criptovalute anche agli occhi dei legislatori internazionali, i quali, per questioni principalmente ecologiche, potrebbero arrivare a bloccare tutte le valute basate sul Proof-of-Work, colpendo innanzitutto proprio Bitcoin.

FONTE: Coindesk
Quanto è interessante?
3
Bitcoin, ricercatore spegne i fan: il prezzo 'crollerà' dopo il Merge di Ethereum