Bitcoin, l'Ucraina segue El Salvador: legalizzata la criptovaluta e protetti gli utenti

Bitcoin, l'Ucraina segue El Salvador: legalizzata la criptovaluta e protetti gli utenti
di

A pochi giorni dall'entrata in vigore del Bitcoin ad El Salvador, il Parlamento dell'Ucraina ha approvato quasi all'unanimità una legge che legalizza e regola la criptovaluta nel paese.

La nazione europea è la quarta a livello mondiale a regolamentare il mercato delle criptovalute. Il provvedimento, proposto nel 2020 dal presidente Volodymyr Zelenskyy, prevede una serie di norme meno estreme rispetto ad El Salvador dove la moneta virtuale è a tutti gli effetti accettata al pari del dollaro USA.

Infatti, il Bitcoin non può in alcun modo essere utilizzato come moneta ufficiale per il pagamento di beni e tasse, sebbene l'iter iniziato preveda entro il 2022 un entrata in vigore al 100% al pari di El Salvador.

Nella normativa approvata viene introdotta anche la definizione di moneta virtuale, che è descritta come "asset tangibile espresso sotto forma di dato elettronico". Le novità riguardano anche le piattaforme di exchange ed in generale tutte le attività che offrono servizi legati alle criptovalute nella nazione: queste dovranno sottostare alla tassazione ucraina e avere una sede nel paese, oltre a richiedere un'esplicita licenza che attesterà che il loro operato sia conforme agli standard di sicurezza richiesti dalla nazione. In questo modo l'Ucraina vuole garantire maggiore sicurezza per gli utenti che decidono di investire in criptovalute.

FONTE: CNBC
Quanto è interessante?
2