Buchi neri, ora gli scienziati puntano ad osservare quello della Via Lattea

Buchi neri, ora gli scienziati puntano ad osservare quello della Via Lattea
di

La pubblicazione della prima foto di un buco nero, avvenuta nella giornata di ieri, è destinata ad aprire una nuova era nel campo dell'osservazione spaziale. Luciano Rezzolla, direttore dell'Istituto di Fisica Teorica di Francoforte e membro del consorzio EHT, all'ANSA ha parlato dei prossimi obiettivi.

Lo scienziato ha detto senza mezzi termini che lui ed i suoi colleghi adesso puntano ad osservare anche altri oggetti "previsti un secolo fa da Albert Einstein".

E' chiaro che l'obiettivo primario è osservare il buco nero che è presente al centro della nostra galassia, la Via Lattea. La sfida però è tutt'altro che semplice in quanto rispetto a quello presente in M87, Sagittarius A* si muoverebbe ad una velocità più elevata e sarebbe estremamente difficile da portare a termini.

Abbiamo cercato i buchi neri più grandi nel cielo: quello di M87, del quale abbiamo ottenuto l’immagine, e quello al centro della Via Lattea" ha affermato Rezzolla, il quale ha osservato che Sagittarius A* è più vicino rispetto a quello della galassia M87, e tecnicamente "possiamo vederlo più facilmente". Innanzitutto, si trova a 100 mila anni luce dalla Terra, una distanza significativamente ridotta rispetto ai 55 milioni di anni luce di M87, ma è anche "più piccolo, con una massa di solo quattro milioni di masse solare". La massa più elevata di quello presente in M87, ha permesso una più facile osservazione in quanto è più stabile.

Al contrario, Sagittarius A* è più variabile, in quanto la materia che cade su di esso lo fa in maniera più turbolenta, dando vita ad immagini che si mutano di continuo. Sostanzialmente, è come fotografare un fiume in piena.

L'esperienza acquisita dagli otto telescopi però non rende il tutto impossibile.

Quanto è interessante?
10