Un bug di Facebook ha contrassegnato come spam tutti gli articoli sul Coronavirus

Un bug di Facebook ha contrassegnato come spam tutti gli articoli sul Coronavirus
di

Nella notte italiana un grave bug ha colpito Facebook. A quanto pare, infatti, il social network di Mark Zuckerberg avrebbe iniziato a contrassegnare tutti i post che rimandano ad informazioni ed articoli sulla pandemia da Coronavirus. Le segnalazioni si sono moltiplicate ed hanno interessato anche giornalisti di testate importanti.

Facebook ovviamente è immediatamente corsa ai ripari e, come spiegato dal vice presidente Guy Rosen, il problema era dovuto ad un "bug nel sistema antispam", che non appena riconosciuto ha spinto la società a lavorare rapidamente per risolverlo.

The Verge ha pubblicato una marea di tweet contenenti gli screenshot ricevuti da vari utenti, che mostrano come articoli legittimi e provenienti da fonti verificate, fossero stati etichettati come spam dal sistema.

Rosen ha affermato che "abbiamo ripristinato tutti i post che sono stati erroneamente rimossi, inclusi quelli sugli altri argomenti estranei al Covid-19". Il problema a quanto pare riguardava uno strumento di moderazione automatizzato, e non direttamente ad un cambiamento riguardante la politica di moderazione della piattaforma, come ipotizzato da molti.

Facebook, comunque, insieme ad altri giganti del web come Google, Linkedin, Microsoft, Reddit, Twitter e YouTube stanno combattendo per evitare la diffusione di fake news e bloccare sul nascere le bufale che, purtroppo, continuano a diffondersi.

FONTE: The Verge
Quanto è interessante?
2