Calano le vendite di Huawei in Europa, ma va male anche Apple

Calano le vendite di Huawei in Europa, ma va male anche Apple
di

Il mercato degli smartphone tira le somme del secondo trimestre del 2019, con un totale di 45.1 milioni di unità piazzate in Europa. Siamo molto vicini ai 45.2 milioni dell'anno scorso. La cosa interessante è che abbiamo i primi dati che ci permettono di capire come è andata Huawei in occidente dopo il ban di Trump. Spoiler: non bene.

Se infatti non ci sono grosse novità per quanto riguarda la salute complessiva del mercato degli smartphone, con un dato che conferma quello dell'anno precedente — senza crescita, ma nemmeno un crollo—, cambia invece la performance dei diversi produttori.

L'osservato speciale è Huawei, che paga la campagna di demonizzazione portata avanti dalla Casa Bianca e non solo. Per mesi i consumatori sono stati bombardati dal caso Huawei-USA, e si sono create due isterie distinte: da una parte la paura che Android mollasse il supporto ad Android anche sui device attualmente in commercio (una falsità, ma è quello che è arrivato a molti consumatori), dall'altra il sospetto mai provato che i device Huawei siano un pericolo per la privacy.

Così non stupisce che in questo scenario Huawei abbia perso il 16% delle sue quote di mercato. Certo, non una catastrofe contando che rimane salda alla seconda posizione con le sue 8,5 milioni di unità. Apple, senza nessuna caccia alle streghe contro, perde pure lei quote con un 17% di device consegnati in meno. A ridere invece è Samsung, che cresce addirittura del 20% su base annua e tocca le 18,3 milioni di consegne.

FONTE: Huawei
Quanto è interessante?
2