Calcolate le zone che potrebbe "invadere" il temibile calabrone gigante asiatico

Calcolate le zone che potrebbe 'invadere' il temibile calabrone gigante asiatico
di

Vi abbiamo già parlato su queste pagine del calabrone gigante asiatico, conosciuto anche con lo pseudonimo di "calabrone assassino" per via della sua spietatezza contro le api. Il calabrone è originario di zone come la Cina, Corea e principalmente il Giappone, ma è stato recentemente avvistato negli Stati Uniti e ha destato grandi preoccupazioni.

I ricercatori della Washington State University, in un articolo pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, hanno scoperto che se il calabrone più grande del mondo prendesse piede nello stato di Washington, potrebbe diffondersi su gran parte della costa occidentale degli Stati Uniti. Non si tratta di una buona notizia.

Il calabrone gigante asiatico potrebbe anche arrivare a stabilirsi in tutta la costa orientale e in parti dell'Africa, Australia, Europa e Sud America, se gli esseri umani dovessero trasportano inavvertitamente. In questo modo è arrivato negli Stati Uniti e nel Canada. "Abbiamo trovato molti climi adatti negli Stati Uniti e in tutto il mondo", afferma l'autore principale Gengping Zhu, uno studioso post-dottorato presso il Dipartimento di Entomologia della WSU.

Originario delle parti boscose dell'Asia, il calabrone gigante asiatico (Vespa mandarinia) è una minaccia significativa per le api mellifere occidentali, che non sanno come sconfiggere questo nemico. A fine estate e autunno, le colonie di calabroni attaccano gli alveari, distruggendo intere colonie di api (che fanno a pezzi staccandogli la testa) per nutrire la loro covata e produrre nuove regine.

I calabroni giganti asiatici hanno maggiori probabilità di prosperare in luoghi con estati calde, inverni miti e precipitazioni elevate. Sulla base di questi fattori, un habitat adatto per il calabrone gigante asiatico si può trovare lungo gran parte delle coste occidentali e orientali degli Stati Uniti, parti adiacenti del Canada, gran parte dell'Europa, Sud America nord-occidentale e sud-orientale, Africa centrale, Australia orientale e gran parte della Nuova Zelanda.

"Prevenire l'insediamento e la diffusione del calabrone gigante asiatico nell'America settentrionale occidentale è fondamentale per proteggere le api e gli apicoltori", afferma l'entomologi della WSU David Crowder. "Il nostro studio può fornire informazioni sulle strategie per monitorare e sradicare questi invasori prima che si stabiliscano".

FONTE: phys
Quanto è interessante?
3