Cambiamento climatico: l'Europa si sta riscaldando più in fretta del resto del pianeta

Cambiamento climatico: l'Europa si sta riscaldando più in fretta del resto del pianeta
di

Il surriscaldamento globale sta portando a drastiche modificazioni del clima e dell'ecosistema terrestre: da diversi decenni si raggiungono temperature record, e ogni anno è sempre peggio. Di recente, un nuovo studio ha dimostrato che l'Europa è uno dei continenti che più risente del cambiamento climatico.

Sappiamo che il mondo non è di certo sulla buona strada per limitare il surriscaldamento del nostro pianeta: il tasso di inquinamento è ad un record assoluto e sembra che il limite concordato dagli Accordi di Parigi (che impongono di evitare ad ogni costo che l'aumento della temperatura media globale vada oltre gli +1,5 °C) sia destinato ad essere superato molto presto.

Le ultime ricerche in ambito climatico hanno infatti dimostrato che il clima terrestre è destinato a diventare in media +2,4 °C più caldo rispetto al valore di riferimento dell'età preindustriale. Un valore critico e irreversibile, a meno che le emissioni di gas serra non vengano drasticamente ridotte.

Dagli studi recenti è emerso un altro dato interessante: sembra che non tutte le parti del mondo si surriscaldino alla stessa maniera, e che alcune siano più sensibili di altre. In particolare, l'Europa sembra si sia surriscaldata più di ogni altra parte del mondo (escluso il circolo polare artico), arrivando ad una media di oltre +2,2 °C rispetto all'età preindustriale.

Gli scienziati stanno ancora dibattendo sul perché questo stia effettivamente avvenendo, ma sembra che la chiave di questo rompicapo possa essere la vicinanza delle terre emerse del continente europeo con l'Artico.

Il riscaldamento del circolo polare artico, infatti, è ulteriormente favorito dai continui cambi di "albedo" del pianeta, cioè dalla capacità di riflettere la luce solare. Il ghiaccio bianco attorno al polo agisce come uno specchio, riflettendo la maggior parte della luce solare. Quando il ghiaccio si scioglie nel periodo estivo, sulla calotta glaciale si formano dei laghi e l'acqua - assorbendo più luce - si riscalda maggiormente.

Sebbene la teoria sia plausibile, non spiega come mai lo stesso fenomeno non si presenta al Polo Sud. Il motivo della discrepanza potrebbe essere che l'Antartide è una vera e propria "terra ghiacciata" e non un ammasso di ghiacci galleggianti.

Occorreranno ulteriori ricerche per approfondire i meccanismi di surriscaldamento globale, ma nonostante questo è chiaro che il tempo a nostra disposizione è relativamente poco, e bisogna fare qualcosa per evitare catastrofi irreversibili.

FONTE: Space.com
Quanto è interessante?
4