I cani odiano davvero i gatti (e viceversa)? Sfatiamo il mito

I cani odiano davvero i gatti (e viceversa)? Sfatiamo il mito
di

Voi due sembrate proprio cane e gatto!”, questa è una delle tante manifestazioni di un cliché che abbiamo alimentato per secoli: i cani odiano i gatti e viceversa. Ma sarà davvero così? C’è una legge naturale che muove questi due animali a dichiararsi guerra?

Vi diamo già una prima verità: i cani e i gatti non sono nemici naturali. Tuttavia, ci sono alcune differenze comportamentali e genetiche che possono ledere il rapporto tra questi due.

Il cane, per esempio, eredita ancora parte di quei geni selvaggi dei loro antenati; anche un piccolo chihuahua è dotato di un innato istinto di caccia. Questo impulso è lo stesso che ordina a Fido di rincorrere una palla o qualsiasi altro oggetto in movimento… I gatti, d’altro canto, sono mossi per natura a fuggire alla vista di un cane. Ecco perché non è raro vedere questi due animali rincorrersi.

Tra cane e gatto nascono anche incomprensioni di tipo comportamentale. La coda scodinzolante di un Golden Retriever esprime spesso giocosità, mentre la coda di un gatto che si contrae e si agita è segno di irritazione (non sempre). Questo è il motivo per cui il vostro gatto ricambia con una zampata la richiesta di giocare di Fido.

Ovviamente, questi comportamenti possono venir meno grazie a una corretta e positiva educazione. La socializzazione precoce tra gattini e cuccioli è estremamente utile per superare i sospetti istintivi. Inoltre, se avete un cane o un gatto e volete introdurre nella vostra famiglia la “controparte” del primo, assicuratevi che la new entry sia un animale calmo e tollerante. Lavorare con due guerrafondai è sicuramente più difficile.

Siate pazienti e concedete al vostro cane e al vostro gatto un momento di condivisione insieme (sotto la tua stretta sorveglianza): potrebbero finire per diventare migliori amici! A proposito, vi siete mai chiesti come vedono il mondo i vostri animali domestici?

Quanto è interessante?
2