I cani possono elaborare i numeri e utilizzano la stessa parte del cervello degli umani

I cani possono elaborare i numeri e utilizzano la stessa parte del cervello degli umani
di

Quando si tratta di numeri, alcune cose sono innate, come la capacità di giudicare quanti elementi vediamo. Questa viene chiamata "numerosity adaptation effect" ed è stata vista in tutto il regno animale, dalle scimmie, ai pesci e alle api (piccole geni del mondo della matematica).

"Siamo andati direttamente alla fonte, osservando il cervello dei cani, per avere una comprensione diretta di quello che succede nei neuroni quando vedono una quantità variabile di punti", afferma la psicologa cognitiva Lauren Aulet.

I ricercatori hanno addestrato 11 cani ad entrare e sedersi immobili all'interno di una macchina per la risonanza magnetica, non dando agli animali alcun indizio di cosa fare una volta entrati. Questo è un punto chiave di differenza rispetto ai precedenti studi simili, in cui i soggetti sono stati addestrati e premiati per l'esecuzione di compiti "numerici".

Otto delle undici regioni parieto temporali dei cani si sono illuminate più intensamente quando il rapporto tra i punti sullo schermo era maggiore, ad esempio 2:10 e 4:8. Ma il loro cervello non ha risposto allo stesso modo quando sono cambiate solo le dimensioni e le posizioni dei punti, mentre il rapporto è rimasto lo stesso.

Ciò dimostra che i cani stavano rispondendo specificamente a una differenza di quantità. Le regioni del cervello che si sono attivate erano simili a quelle osservate quando i primati (esseri umani compresi) elaborano delle quantità. "Parte del motivo per cui siamo in grado di eseguire calcoli è perché abbiamo questa fondamentale capacità che condividiamo con altri animali", dichiara Aulet.

Ricerche precedenti hanno dimostrato che i cani possono contare fino a cinque e avere una conoscenza di base della matematica semplice. Questo nuovo studio non fa altro che confermare la capacità dei nostri amici a quattro zampe di percepire quantità numeriche, senza addestramento umano. Un meccanismo che potrebbe aver avuto un ruolo chiave nella "nel foraggiamento o nella predazione", concludono infine i ricercatori.

Quanto è interessante?
4