Caterina d'Aragona, la regina con l'armatura che marciò contro la Scozia

Caterina d'Aragona, la regina con l'armatura che marciò contro la Scozia
INFORMAZIONI SCHEDA
di

La Battaglia di Flodden è uno dei più celebri scontri combattuti durante il regno dei Tudor, perché vide scontrarsi i più grandi eserciti che le due nazioni, Inghilterra e Scozia, possedevano al tempo. Tuttavia, non è conosciuta solo per questo.

Nel 1513, quando avvenne lo scontro, Enrico VIII era ancora sposato con la prima moglie, Caterina d'Aragona. La sovrana, approfittando dell'assenza del marito, al tempo in Francia per guidare le truppe contro Luigi XII, prese de facto il potere per un breve periodo e organizzò in prima persona il piano per fronteggiare il nemico scozzese.

Tutto era nato quando il sovrano di Scozia, Giacomo IV, dichiarò guerra contro il regno inglese per onorare il trattato di difesa firmata con la Francia. Enrico VIII, per ampliare la sua egemonia, decise di sfruttare il casus belli offerto dal nemico per muovere le sue truppe verso i territori scozzesi. Poiché lui si trovava in Francia, Caterina ordinò a Thomas Howard di formare un primo esercito nelle Midlands, la regione di confine tra Inghilterra e Scozia, in attesa di un attacco scozzese.

Giacomo IV iniziò a marciare con 30.000 uomini a suo seguito. La regina d'Inghilterra, avendo studiato le brillanti capacità strategiche della madre, non si lasciò intimorire. Secondo gli Archivi Nazionali inglesi, la donna era determinata a sconfiggere il sovrano scozzese ed offrire il suo corpo come simbolo di vittoria al marito (nonostante Giacomo IV fosse sposato con Margherita Tudor, sorella di Enrico VIII). "Siamo contenti di poterci tenere occupati con i scozzesi. Il mio cuore ne è fiero" scrisse la donna in una lettera a Thomas Wolsey, un lord che si trovava nel fronte francese insieme al sovrano inglese.

Studiando recentemente dei documenti dell'Archivio Nazionale, l'immagine di Caterina d'Aragona è stata ancora una volta rivalutata. La sovrana non raccolse solo le truppe nelle Midlands, ma consigliò anche i generali sulle strategie da seguire sul campo e promosse politiche fiscali che potessero rifornire il numeroso esercito.

La regina cavalcò, al seguito di un piccolo gruppo di soldati, verso nord con l'obiettivo di aspettare le truppe di Giacomo nel caso in cui l'esercito scozzese fosse riuscito ad oltrepassare il confine. Una teoria ipotizza che, quando la donna "marciò" con le sue truppe, era persino incinta. Molti storici non supportano quest'ipotesi, però alcuni, come Peter Martyr, sostengono che la regina avesse indossato un'armatura proprio per nascondere la gravidanza.

Caterina d'Aragona, arrivata solo a Buckingham, non ebbe mai la possibilità di scontrarsi in campo aperto con Giacomo IV. Prima di tutto, probabilmente non avrebbero mai permesso ad una donna così importante di guidare le truppe all'attacco. In secondo luogo, Giacomo IV venne sconfitto e ucciso a Flodden dal comandante e lord Howard.

Si stima, secondo i documenti dell'epoca, che l'esercito inglese perse solo 1500 uomini, mentre quello scozzese tra i 7000 e i 13.000. Inoltre, da quel momento in poi, la sovrana inglese non ebbe più la possibilità di mostrare le sue doti militari e politiche. Venne relegata al ruolo di futura madre dell'erede maschio d'Inghilterra e, come sappiamo dalla storia, in questo compito fallì.

Se vi interessa conoscere di più sulla vita di Caterina d'Aragona, vi consiglio di guardare "The Spanish Princess".

Quanto è interessante?
1