Il Cerchio della Vita del Re Leone è più brutale di quanto la Disney voglia farvi credere

Il Cerchio della Vita del Re Leone è più brutale di quanto la Disney voglia farvi credere
di

"Tutto ciò che vedi esiste insieme in un delicato equilibrio - racconta Mufasa a Simba in una parte del Re Leone - siamo tutti collegati nel grande Cerchio della Vita." Per tutti i fan del fortunato cartone Disney abbiamo una brutta notizia: il "delicato equilibrio" di cui si parla nell'opera è stato rifiutato dagli scienziati da decenni.

Ben più oltre del cartone stesso. Questo è un concetto profondamente radicato nel pensiero comune: "La natura esiste in un perfetto equilibrio che nel tempo supererà tutte le sfide, consentendo alla vita di continuare in un ciclo senza fine". Non è assolutamente così, poiché i predatori possono decimare le loro prede, le specie invasive possono sopraffare le abitudini delle specie native, le azioni degli esseri umani possono far estinguere creature e ribaltare la composizione di un intero ecosistema.

Il concetto di "Equilibrio della Natura" esiste dai tempi degli antichi greci, quando Erodoto descriveva l'equilibrio apparentemente perfetto tra i predatori e le loro prede. La teoria dell'equilibrio della natura presuppone che i sistemi naturali rimangano stabili, con i cambiamenti corretti tramite un ciclo di feedback negativo. Tuttavia, quando il concetto è stato testato sul campo dagli ecologisti, non ha completamente retto.

Nella seconda metà del 20° secolo, quindi, sono state ideate altre teorie e l'idea che gli ecosistemi siano disordinati, persino caotici, si è fatta sempre più strada. In uno studio pubblicato su PLOS Biology, l'ecologo Daniel Simberloff osserva che Alfred Russel Wallace, naturalista ed esploratore britannico che formulò una teoria dell'evoluzione per selezione naturale, simile a quella che nello stesso periodo stava elaborando Charles Darwin, potrebbe essere stata la prima persona a chiedersi veramente se la natura fosse equilibrata.

"Alcune specie escludono tutte le altre in tratti particolari. Dov'è l'equilibrio?" Scriveva Wallace. "Quando la locusta devasta vaste regioni e provoca la morte di animali e uomini, qual è il significato di dire che l'equilibrio è preservato ... Per l'apprensione umana non c'è equilibrio ma una lotta in cui uno spesso stermina un altro".

Un esempio reale di questa mancanza di equilibrio viene da uno studio di otto anni condotto negli anni 2000. Gli scienziati, nel Mar Baltico, hanno isolato diverse minuscole creature, come plancton e simili, dal loro ambiente oceanico e hanno osservato le conseguenze alle rete alimentare. Nonostante i ricercatori abbiano mantenuto costante l'ambiente delle creature, la rete alimentare era tutt'altro che equilibrata e ne è seguito il caos.

Rendendosi conto che il mondo naturale è un mondo in cui il leone mangia il leone - con specie in una costante e sanguinosa battaglia per la sopravvivenza - gli ecologisti hanno screditato l'equilibrio della teoria della natura. Mentre l'opinione pubblica invece non ancora. Affidarsi all'idea che di fronte alle avversità, la natura alla fine si bilancia da sola, ripristinando il suo antico splendore e mantenendo l'infinito "Cerchio della vita" è sbagliato.

"Le persone che sanno un po', o molto, si rendono conto che, qualunque cosa concepiscano come 'l'equilibrio della natura' è fragile, non ci proteggerà e, se ci prendiamo cura della natura, dobbiamo proteggerla", afferma infine Simberloff.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
9