E' (quasi) certo: i principi nella Torre vennero uccisi da Riccardo III di Gloucester

E' (quasi) certo: i principi nella Torre vennero uccisi da Riccardo III di Gloucester
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Ci troviamo nel bel mezzo della Guerra delle Rose. Le aspirazioni politiche dei principali aristocratici dell'epoca avevano portato a sanguinosi scontri e tradimenti. Fra questi vi rientra la storia dei "Principi della Torre", i legittimi eredi del trono inglese, sottratto (forse) violentemente da uno zio senza scrupoli, Riccardo III.

Per narrare questa vicenda ed inoltrarci nei dettagli dello studio che confermerebbe la morte dei due ragazzini per mano del loro stesso zio, è necessario mostrare in breve il contesto storico.

Tutto iniziò con Edoardo IV che, discendente della famiglia degli York, a seguito di una serie di eventi, venne nominato re d'Inghilterra nel 1461 e mantenne la carica fino al suo decesso, il 9 aprile del 1483.

La morte dolorosa e prematura del sovrano fu un evento decisivo per il futuro dei suoi figli: il maggiore, Edoardo V, aveva solo 12 anni e non era ancora capace di governare. Per questo, sul letto di morte, si dice che il re scrisse il suo testamento, affidando a suo fratello, Riccardo di Gloucester, il titolo di Lord Protettore per conto del figlio.

Con queste direttive, Edoardo V e lo zio partirono per Londra - pur se con qualche piccolo incidente di percorso, come l'allestimento di un piccolo esercito di 2000 uomini, sotto l'ordine di Antonio Woodville (zio materno del giovane re) e Richard Grey (fratellastro di Edoardo V) contro il Lord Protettore.

Ad ogni modo, giunti a Londra sani e salvi, Riccardo di Gloucester diede l'ordine di far alloggiare il nuovo sovrano, con suo fratello minore, Riccardo (Duca di York), nella Torre di Londra -la residenza tradizionale di tutti i sovrani fino a quel momento- in attesa della sua incoronazione, che doveva avvenire il 25 Giugno del 1483.

Tuttavia, poche settimane prima dell'evento decisivo per segnare la successione di Edoardo V, il vescovo Robert Stillington dichiarò al consiglio della corona che il matrimonio tra l'ex-sovrano e sua moglie, Elisabetta di Woodville, non era valido per un matrimonio contratto dall'uomo in precedenza e in segreto. Così dicendo, Edoardo V e il piccolo duca di York persero completamente ogni diritto di successione.

Questa "diceria" venne confermata pochi giorni dopo dal Titulus Regius, una legge scritta appositamente per impedire al discendente di Edoardo IV di essere incoronato.

Da quel momento in poi solo Riccardo di Gloucester poteva ricevere la corona reale e così, il 3 Luglio dello stesso anno, divenne re d'Inghilterra - col titolo di Riccardo III.

In poco tempo i due bambini, segregati nelle stanze interne della Torre di Londra, si videro sempre meno, fino a scomparire tra le stesse mura della residenza.

Qui subentra lo studio pubblicato nella rivista "Journal of Historical Association", scritto dal professor Thornton, che afferma come adesso esistano le prove intangibili che i due fratelli siano stati assassinati proprio per volontà di Riccardo III.

Lo studioso fa affidamento sulle cronache di Sir Thomas More, o Tommaso Moro, il Lord Cancelliere di Enrico VIII tra il 1529 e il 1532. In particolare, l'autore dello studio si riferisce al testo "History of King Richard III".

Secondo Thorton, Moro giunse a delle conclusioni interessanti in merito alla fine dei due principi, grazie alle informazioni riservate ottenute con la sua carica. Il Lord Cancelliere affermò in alcuni suoi testi come Riccardo III avesse ordinato a Sir James Tyrell di assassinare i due bambini. Questo, dopo aver confessato sotto tortura per alto tradimento nel 1502, affermò che lui avesse a sua volta ordinato a due agenti, Miles Forrest e John Dighton, di soffocare i fratelli nel sonno.

Questa teoria era stata già avanzata negli anni precedenti nel mondo accademico e risulta sempre una tra le più valide. Tuttavia, in assenza di prove tangibili che la possano avvalorare con assoluta certezza, il mistero intorno a questi due sfortunati principi non potrà mai dissolversi completamente.

Quanto è interessante?
1