Il cervelletto ed il suo ruolo cardine nell'evoluzione umana

Il cervelletto ed il suo ruolo cardine nell'evoluzione umana
di

Il cervelletto, parte dominante del metencefalo conosciuto principalmente per il suo ruolo di coordinazione del movimento, ha subito cambiamenti evolutivi e modificazioni epigenetiche del DNA tali da aver contribuito allo sviluppo della cultura umana, del linguaggio e dell'uso degli strumenti.

Di solito antropologi ed evoluzionisti si sono spesso soffermati sullo studio della corteccia prefrontale (un'area dedicata alle funzioni esecutive, al ragionamento ed al processo decisionale) per capire come gli esseri umani abbiano sviluppato la straordinaria capacità di riflettere ed apprendere che li contraddistingue come specie.

Di recente però, uno studio della Duke University, si è soffermato sul ruolo che il cervelletto potrebbe avere avuto nelle capacità cognitive umane, cercando differenze molecolari tra umani, scimpanzé e macachi. Nello specifico la ricerca si è soffermata sullo studio dei genomi del tessuto cerebrale nelle tre diverse specie per trovare differenze epigenetiche, importanti per il ruolo di influenzare i geni ed essere trasmesse nelle generazioni future.

Gli umani hanno dimostrato maggiori differenze nel cervelletto piuttosto che nelle altre aree cerebrali, evidenziando quindi il ruolo considerevole che questa porzione di metencefalo abbia avuto nell'evoluzione umana. Le differenze maggiori sono state trovate soprattutto nei geni coinvolti nello sviluppo cerebrale, nel metabolismo dei grassi e nella plasticità sinaptica.

Queste differenze epigenetiche sono importanti per comprendere maggiormente il cervello umano, soprattutto in funzione dello studio di patologie psichiatriche e neurodegenerative, affermando l'importanza di includere il cervelletto negli studi sull'evoluzione dell'encefalo umano e sulla sua capacità di adattarsi e creare nuove connessioni.

FONTE: Plos
Quanto è interessante?
4
Il cervelletto ed il suo ruolo cardine nell'evoluzione umana