Il nostro cervello organizza in modo permanente le informazioni mentre dormiamo

Il nostro cervello organizza in modo permanente le informazioni mentre dormiamo
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Un team di esperti specializzati in neuroscienze e ingegneria informatica ha registrato ciò che accade nel cervello mentre una persona dorme. I risultati suggeriscono che esiste un meccanismo capace di organizzare in modo permanente i nuovi ricordi e le informazioni apprese di recente.

Ogni cosa che una persona sperimenta è correlata a specifici schemi di innesco neurale nel cervello e quegli stessi schemi sembrano essere riprodotti quando si dorme. Questi schemi sono stati osservati nei roditori, e le cellule cerebrali dell'ippocampo hanno mostrato di attivarsi durante il sonno nello stesso modo di quando avevano precedentemente svolto un compito.

Questi risultati non erano mai stati riprodotti nell'uomo, ma un nuovo studio pubblicato su Cell Reports afferma di aver trovato una "prova diretta". Gli esperti hanno utilizzato le neurotecnologie, utilizzando dei microelettrodi impiantati cronicamente nel cervello umano come un modo per "decodificare" i segnali neurali associati al movimento degli arti e alle capacità di comunicazione.

A due partecipanti è stato chiesto di fare un pisolino prima e dopo aver giocato a un piccolo gioco per computer. Nel gioco, quattro luci lampeggianti illuminano uno schema specifico che i giocatori devono ripetere colpendo fisicamente i pannelli luminosi in sequenza. Tuttavia, non è stato utilizzato alcun controller, solo la "mente" del giocatori.

Dopo aver giocato, ai partecipanti è stato chiesto di fare un pisolino prima di giocare un altro round e poi riposare di nuovo. Nel mentre, i ricercatori hanno registrato l'attività dei singoli neuroni dalla corteccia motoria. Gli stessi schemi neuronali sono stati osservati sia quando i partecipanti stavano giocando, sia quando stavano riposando. Si tratta della prima prova di questo meccanismo negli esseri umani.

Dopo il riposo, inoltre, i partecipanti dello studio avevano anche maggiori probabilità di ripetere con successo la sequenza dei pannelli luminosi. Un'altra prova dell'importanza del sonno e del suo ruolo benefico nelle prestazioni cognitive.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
5