Chi può essere definito il primo scienziato della storia? Cerchiamo di scoprirlo

Chi può essere definito il primo scienziato della storia? Cerchiamo di scoprirlo
di

L''umanità ha sempre avuto una naturale inclinazione verso la scoperta e l'esplorazione, un tratto distintivo che ci ha portato a conquiste straordinarie come l'allunaggio o esperimenti scientifici rivoluzionari. Ma chi è stato il primo a guadagnarsi il titolo di "scienziato"? La risposta potrebbe sorprendervi.

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non si tratta di un nome celebre come Platone o Pitagora, ma di William Whewell, un personaggio vissuto meno di due secoli fa. Prima di Whewell, che coniò il termine "scienziato" nei primi anni del 1830, esistevano figure che si dedicavano alla scienza, ma non esisteva un termine unificante per descrivere questa pratica.

La mancanza di una designazione specifica per questi studiosi era fonte di frustrazione, tanto che si accesero dibattiti accesi su come potessero chiamarsi. Durante un incontro della British Association for the Advancement of Science, Whewell propose il termine "scientist", analogo ad "artist". Nonostante alcune resistenze, soprattutto in Gran Bretagna, dove il termine era considerato troppo americano, "scientist" finì per prevalere come l'unica opzione sensata, sebbene ciò richiese molto più tempo del previsto.

Tuttavia, se consideriamo "scienziato" nel senso moderno del termine, ovvero come qualcuno che utilizza il metodo scientifico, allora Francis Bacon potrebbe essere considerato il primo vero scienziato. Bacon è riconosciuto come il primo a codificare il metodo scientifico nel suo libro "Novum Organum" del 1620. Ma anche prima di Bacon, esistevano figure che avevano già iniziato a praticare un approccio empirico e razionale alla comprensione del mondo.

Tra questi, spicca Ḥasan Ibn al-Haytham, vissuto intorno al 965 d.C., che precedette Isaac Newton nel campo dell'ottica e fu un pioniere in diverse altre discipline scientifiche. Se definiamo uno "scienziato" come qualcuno che cerca spiegazioni razionali ed empiriche ai fenomeni, anziché accettare spiegazioni soprannaturali, allora dobbiamo tornare ancora più indietro nel tempo, fino a Talete di Mileto.

Vissuto tra il VII e il VI secolo a.C., Talete è generalmente riconosciuto come la prima persona nota ad aver praticato scienza, matematica, filosofia e ragionamento deduttivo. Sebbene non avesse sempre ragione nelle sue teorie, il suo approccio alla ricerca della verità attraverso l'osservazione e la logica pone le basi per ciò che oggi consideriamo scienza.