Chi è Sam Altman, milionario disposto a farsi uccidere per digitalizzare il suo cervello

di

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato della startup americana che vuole caricare il cervello sul cloud. Ebbene, il primo profilo di alto rilievo a pagare ben 10000 dollari per provare questo "trattamento" è Sam Altman, milionario della Silicon Valley. Vediamo assieme di chi si tratta.

Chi non bazzica nel mondo del tech probabilmente non conoscerà bene Altman. Egli infatti non è una "figura di marketing" di punta nel mondo del tech, ma lavora spesso "nelle retrovie". Pensate che, all'età di 32 anni, è già stato CEO di Reddit per otto anni, presidente del famoso startup accelerator Y Combinator e co-chairman di OpenAI (assieme all'arcinoto Elon Musk, prima che quest'ultimo abbandonasse). E' poi il chairman di Helion Energy e investitore in società del calibro di Airbnb, Stripe e Pinterest, solamente per citarne alcune. Altman è anche stato inserito nelle nomination di diversi premi come "top investor under 30" a cura di realtà molto importanti come Forbes e BusinessWeek.

Insomma, capite bene che non si tratta esattamente dell'ultimo arrivato, che non ha certo bisogno di farsi pubblicità in questo modo, come alcuni utenti sui vari forum online stanno sostenendo in queste ore. Se Altman ha deciso di pagare 10000 dollari per provare un "trattamento" che, stando a quanto riportato dal The Sun, è "100% mortale", è perché ci crede davvero e vuole digitalizzare il suo cervello. Infatti, il trentaduenne ha affermato al MIT Technology Review di essere sicuro che nel corso della sua vita i cervelli potranno essere digitalizzati. Un "investimento" a lungo termine, dunque.

Ve lo diciamo chiaramente: la startup in questione non è ancora in grado di digitalizzare un cervello umano, ma ha già dimostrato le sue capacità preservando dapprima un cervello di un coniglio nel 2016 e più recentemente quello di un maiale a inizio 2018. Questo le ha consentito di vincere due premi dalla Brain Preservation Foundation e di guadagnarsi anche la fiducia di Altman. La startup prevede di simulare l'upload del primo cervello umano su "una rete neurale biologica" nel 2024.

Il processo di vetrificazione, affinchè vada a buon fine e permetta di utilizzare i dati, deve essere eseguito al momento della morte o, più precisamente, deve essere la causa della morte in quanto vengono iniettate nel cervello delle sostanze chimiche imbalsamanti che preservano la struttura neuronale, anche mentre uccidono il paziente. Nectome sostiene che il servizio sia pienamente legale in alcune parti degli Stati Uniti, grazie ad alcune leggi sull'eutanasia.

FONTE: The Sun
Quanto è interessante?
9
Chi è Sam Altman, milionario disposto a farsi uccidere per digitalizzare il suo cervello