In Cina è nato il primo gatto clonato a scopi commerciali

In Cina è nato il primo gatto clonato a scopi commerciali
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Potrebbe sembrare fantascienza, ma il 21 luglio 2019 in Cina è nato il primo gatto clonato per fini commerciali. L'impresa è stata compiuta dalla società cinese Siongene Biotechnology, che ha permesso a Huang Yu di riabbracciare il suo gatto, un British Shorthair chiamato Garlic.

L'aspetto del clone è molto simile all'animale defunto, "superiore del 90%" afferma Huang. "Non ho potuto agire perché è stata una morte improvvisa. Mi biasimo per non averlo portato in ospedale in tempo."

Clonare il proprio animale domestico non è economico: per i cani la procedura costa 53.000 dollari, mentre per i gatti 35.000. "La clonazione di animali domestici soddisfa i bisogni emotivi delle generazioni giovani", ha commentato Mi Jidong, amministratore delegato della società, ad AFP.

Il mercato della clonazione commerciale è in rapida crescita. La Sooam Biotech Research Foundation di Seoul afferma di aver clonato circa 800 animali, ad un prezzo di 100.000 dollari ciascuno. La clonazione di animali domestici è illegale in molti paesi, ma approvata in Corea del Sud e negli Stati Uniti.

Il prossimo obiettivo degli scienziati di Pechino è più ambizioso che mai: clonare i panda. È una cosa possibile, secondo Chen Dayuan, della Chinese Academy of Sciences che ha studiato la clonazione dei panda giganti per 20 anni.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
7