Queste cinque fasi della decomposizione vi faranno accapponare la pelle

Queste cinque fasi della decomposizione vi faranno accapponare la pelle
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Dopo decenni di osservazione, gli entomologi hanno descritto un modello di decomposizione a cinque stadi. Quest'ultimo spiega come facciano gli insetti, insieme ai microrganismi, a trasformare un corpo in un mucchio di ossa.

Il primo stadio di decomposizione si verifica tra il momento della morte e i primi segni di gonfiore, e accade quando i batteri che già vivono all'interno della carcassa iniziano a digerire i tessuti all'interno del corpo. Gli insetti arrivano da pochi minuti a ore dopo la morte dell'animale. La maggior parte sono mosche delle famiglie Calliphoridae (chiamati "mosconi), Muscidae (mosche domestiche) e Sarcophagidae (mosche della carne), che cercano luoghi adatti per depositare le loro uova.

Successivamente in questa seconda fase di decomposizione, la mancanza di ossigeno all'interno del corpo inizia a favorire i microbi anaerobici (quelli che potrebbero esistere anche su Venere). Questi batteri prosperano in assenza di ossigeno all'interno del corpo. Qui i batteri iniziano a espellere gas come idrogeno solforato e metano e l'addome inizia a gonfiarsi. Durante questa fase, le uova di mosca si schiudono e grandi quantità di vermi iniziano a nutrirsi della carne. A questo punto, i coleotteri si uniscono alla cena.

Nella terza fase, invece, la carcassa inizia a sgonfiarsi, poiché gli insetti larvali rosicchiano piccoli fori nelle cavità del corpo, permettendo ai gas di fuoriuscire. Presto gli scarafaggi domineranno la "tavola", con un numero enorme di queste creature che arrivano a mangiare i vermi. Una volta che la maggior parte della carne è stata consumata, la carcassa entra nella fase di decomposizione avanzata.

La quarta fase è l'arrivo dei coleotteri dermestidi (spazzini che si nutrono di una varietà di materiali secchi) e iniziano a deporre le uova. Nella fase finale della decomposizione, la carcassa si riduce a ossa, cartilagine, pelle secca e capelli. I coleotteri dermestidi larvali continuano a banchettare sullo scheletro (lavoratori così efficaci che vengono utilizzati anche dai musei per pulire gli scheletri), fino alla pulizia totale dei resti.

Nonostante non sia uno bello spettacolo, la decomposizione dei resti animali è un processo fondamentale che fa circolare i nutrienti all'interno degli ecosistemi. Nutrienti come carbonio, fosforo e azoto, si trovano in quantità limitata negli ecosistemi e devono essere costantemente riutilizzati e riciclati per garantire la continuità della vita.

Quanto è interessante?
3