Un clone virtuale insegnerà agli uomini come parlare in pubblico

Un clone virtuale insegnerà agli uomini come parlare in pubblico
di

Saper parlare in pubblico è una dote necessaria per moltissimi professionisti, ma spesso paura e indecisione minano la qualità delle performance oratorie. Osservare un clone virtuale mentre esegue un discorso pubblico con sicurezza e padronanza è un ottimo sistema per ottenere risultati migliori. Ma solo per gli uomini.

Marianne Schmid Mast ed il suo team ha sottoposto ad un test innovativo 76 soggetti, uomini e donne, che hanno tenuto un discorso pubblico davanti ad una platea simulata. Dopo aver mostrato a tutti un analogo discorso tenuto da un loro clone virtuale, la maggior parte degli uomini è stata in grado di ripetere la performance con risultati migliori.

Sorprendentemente, lo stesso non si può dire nelle donne: tra di esse, quelle che mostravano difficoltà nel public speacking non hanno riportato alcun miglioramento significativo.

I ricercatori, che hanno pubblicato i risultati sulla rivista Plus one, ritengono che alla base del risultato differente vi sia una predisposizione di base diversa in uomini e donne.

Caratteristiche come l'espressività facciale e la mimica sono espresse di più e in maniera più naturale dalle donne, che quindi beneficerebbero meno di un sosia da cui prendere spunto.

Gli uomini, invece, sarebbero in media più inibiti nell'uso del linguaggio del corpo: osservare una copia di sé stessi utilizzare gesti e movimenti efficaci sarebbe d'aiuto, quindi, per costruire un repertorio gestuale nel quale sentirsi confidenti e a proprio agio.

Questa ricerca apre una frontiera nuova nella tecniche di formazione per tutti quei professionisti che necessitano di migliorare il proprio modo di parlare al pubblico. Gli ambiti di applicazione sono molto estesi: dal settore delle vendite alla comunicazione politica, passando per i manager d'azienda o i professionisti dell'istruzione.

Quanto è interessante?
3