Ecco come il cervello si "riaccende" dopo un'anestesia generale

Ecco come il cervello si 'riaccende' dopo un'anestesia generale
di

Sapete come si riprende il cervello dall’anestesia generale? Si tratta di una curiosità a cui pochi cercano di dare una risposta, a meno che non vivano l’esperienza di un intervento chirurgico. Ma mentre nuovi studi scoprono i dettagli simili tra anestesia e sonno, noi riprendiamo uno studio del 2021 per darvi la detta risposta.

Tale analisi ha visto il coinvolgimento di un gruppo di 30 adulti sani, anestetizzati per tre ore, e di 30 adulti sani che non lo erano come controllo per confronto. Ebbene, utilizzando scansioni encefalografiche e test cognitivi, gli scienziati hanno analizzato e misurato nel dettaglio i tempi di reazione, il richiamo della memoria e altre abilità, osservando che il cervello si “riaccende” una sezione alla volta dando priorità alle aree dedicate alla risoluzione di problemi, ovverosia alla corteccia prefrontale.

Le regioni frontali sono pertanto quelle che si attivano per prime, dando priorità a problem solving, memoria e controllo motorio. Dopo l’anestesia generale, i pazienti richiederebbero circa tre ore per riprendersi completamente. In aggiunta, l’effetto dell’anestetico non avrebbe influenza alcuna sulla qualità del sonno.

Come spiegato dall’anestesista Micheal Avidan, “questo suggerisce che il cervello umano sano è resiliente, anche con un'esposizione prolungata all'anestesia profonda. Clinicamente, questo implica che alcuni dei disturbi della cognizione che vediamo spesso per giorni o addirittura settimane durante il recupero dall'anestesia e dalla chirurgia, come il delirio, potrebbero essere attribuibili a fattori diversi dagli effetti persistenti dei farmaci anestetici sul cervello”.

A proposito di sonno, in precedenza abbiamo visto perché leggere ci fa addormentare.

FONTE: eLife
Quanto è interessante?
3