Come difendersi dalle luci blu degli smartphone? È facile e gratuito

Come difendersi dalle luci blu degli smartphone? È facile e gratuito
di

Sebbene si tratti di un argomento ancora molto dibattuto, diversi studi ormai confermano che le luci blu non danneggiano la vista. Tuttavia, allo stesso modo, è comprovato che potrebbero interferire con il sonno se si è soliti navigare prima di dormire.

A questo proposito, ormai quasi tutti i dispositivi elettronici dotati di display vengono venduti con tecnologie pensate per ridurre l'emissione di luce blu, regolabile in intensità e tempo di attivazione.

Abbiamo già visto come impostare il filtro luce blu su Windows 10 e sappiamo già che su Windows 11, il nuovo sistema operativo di Microsoft, l'impostazione ricalca quella del suo predecessore. Ma come fare ad attivarlo su uno smartphone Android?

Al netto delle innumerevoli app sviluppate a questo scopo e presenti sul Play Store, gli smartphone delle ultime generazioni nella quasi totalità dei casi integrano tali filtri con potenti strumenti di personalizzazione.

Per impostarlo, entrare nelle Impostazioni di sistema, entrare all'interno della sezione dedicata a Schermo e Luminosità e cercare la voce relativa al Comfort Visivo.

In questa sezione, potremo regolare l'intensità del filtro, da freddo a caldo, e programmarla per attivarsi solo in determinate fasce orarie, per esempio solo la sera. Su alcuni dispositivi, inoltre, in questa pagina sarà possibile anche scegliere se virare verso un display in bianco e nero per ridurre anche i consumi, ma si tratta chiaramente di una feature esclusiva.

Quanto è interessante?
2