Come un'eclissi solare del 1922 in Australia dimostrò che Einstein avesse ragione

Come un'eclissi solare del 1922 in Australia dimostrò che Einstein avesse ragione
di

Il 21 settembre del 1922 in Australia si verificò un'eclissi solare che coprì l'intero continente. Molti scienziati si riunirono in questo luogo non solo per l'incredibile evento astronomico, ma anche per convalidare la controversa - almeno per allora - teoria della relatività generale di Albert Einstein postulata solo sette anni prima.

La teoria di Einstein, tra le tante cose, suggerì che la gravità potesse piegare il tessuto stesso dello spazio-tempo. Uno dei modi per testare quanto detto era quello di fotografare lo sfondo delle stelle sia prima che durante un'eclissi. La gravità del Sole, infatti, dovrebbe piegare la luce delle stelle lontane mentre passa davanti a loro, facendole apparire in una posizione leggermente diversa (proprio per questo gli scienziati vogliono utilizzare il Sole per studiare i pianeti).

Prima di questo evento alcuni astronomi avevano già confermato - con lo stesso metodo dell'eclisse - le teorie di Einstein, ma molti rimanevano ancora scettici. L'astronomo Frank Dyson, mandato in missione per conto della Gran Bretagna, dopo aver visionato le lastre fotografiche del collega Arthur Eddington, dichiarò che non ci fosse alcun "dubbio sulla conferma della previsione di Einstein". A proposito, ecco come appare un'eclissi solare del 1900.

A studiare l'eclissi in Australia del 21 settembre ci fu anche il famoso astronomo William Wallace Campbell, sicuro di risolvere "il problema di Einstein". In seguito, dopo aver passato mesi a studiare le enormi lastre fotografiche create durante l'eclissi, Campbell telegrafò ad Einstein per dirgli che le osservazioni fossero indiscutibili.

FONTE: astronomy
Quanto è interessante?
2