Come fanno i gufi a girare il capo di quasi 360 gradi?

Come fanno i gufi a girare il capo di quasi 360 gradi?
di

Come fanno i gufi a girare la testa? E’ stato svelato il meccanismo grazie al quale i gufi riescono a ruotare la testa di quasi 360 gradi senza subire pericolosi e fatali traumi.

I gufi sono degli splendidi rapaci dotati di un grande fascino. Sono animali tendenzialmente notturni e riescono a individuare e ad acciuffare animali anche molto piccoli anche a metri di distanza. Queste creature non riescono a muovere gli occhi, tuttavia, riescono a girare la testa di ben 270 gradi e possono guardarsi le spalle semplicemente facendo ciò. Ma come riescono a ruotare il capo in questo modo senza danneggiare nessuna delle strutture interne al collo? Per rispondere a questa domanda, un medico della Johns Hopkins University School of Medicine ha eseguito delle TAC su una serie di gufi morti, iniettando all’interno dei vasi una sostanza particolare.

Grazie a questa sostanza e alla TAC ha potuto capire come scorre il sangue all’interno delle arterie mentre il capo dell’animale veniva ruotato. Fatto questo, all’interno delle arterie del collo è stata inoculata una sostanza molto simile alla plastica per ricostruire il profilo dei vasi sanguigni. Ciò che è emerso è che i vasi sanguigni si muovono all’interno delle vertebre e sono contenuti dentro larghe cavità all'interno dell'osso (10 volte più grandi del diametro del vaso) che lasciano molto giogo ai vasi quando l’animale gira il capo quasi completamente. Queste cavità, probabilmente, contengono delle sacche d’aria che proteggono i delicatissimi vasi durante il movimento.

In più, i vasi sono leggermente più lunghi proprio per permettere all’animale di girarsi ed evitare che le arterie si tendano troppo fino a strapparsi. Tuttavia, il cervello ha costante bisogno di sangue ed è possibile che durante il movimento le arterie si strozzino leggermente, diminuendone l’afflusso. La natura ha pensato anche a questo problema ed ha fornito, ci dicono gli scienziati, le arterie di un allargamento in vicinanza del cervello che potrebbe funzionare come una piccola riserva di sangue sempre disponibile quando l’uccello gira il capo per guardarsi alle spalle, assicurando così un costante afflusso di sangue nonostante le suddette strozzature.

Quanto è interessante?
4