Come liberare la memoria del telefono senza perdere foto? È molto semplice

Come liberare la memoria del telefono senza perdere foto? È molto semplice
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Molti lettori si saranno trovati, almeno una volta nella vita, a dover fare i conti con lo spazio esaurito su iPhone e su smartphone Android. Se per la RAM abbiamo ormai imparato come attivare la Virtual RAM su Android, scopriamo ora come liberare spazio senza perdere i nostri ricordi.

Foto e video sono, probabilmente, tra i contenuti che pesano di più sullo spazio di archiviazione dei nostri dispositivi. Complice una crescente qualità dei moduli fotografici e un sempre più intenso utilizzo dei social network per la condivisione degli scatti, ci si potrebbe presto trovare con le spalle al muro e la memoria esaurita.

Eppure, basterebbe aprire un'app che quasi sicuramente è già installata sul vostro dispositivo. Stiamo parlando di Google Foto, che nel caso potete scaricare anche sul Play Store e su Apple Store. Sì, perché questa soluzione può essere utilizzata anche su iOS e quindi sui dispositivi mobili Apple.

Questa app messa a disposizione gratuitamente da Google richiede esclusivamente che abbiate un account Gmail attivo e utilizzabile. Una volta installata e aperta, consentirà di effettuare e impostare il caricamento automatico delle foto su una memoria Cloud riservata, preservando la qualità e con uno spazio a disposizione che va a fondersi con quello di Gmail e Google Drive. In totale, quindi, avremo a disposizione 15 GB con il piano gratuito, estensibile fino a 100 GB (1,99 euro al mese), 200 GB (2,99 euro al mese) e 2 TB (9,99 euro al mese). A ogni modo, se usate lo spazio in Cloud esclusivamente a questo scopo possiamo garantire che con le impostazioni standard di Google Foto non avrete problemi a caricare ricordi per anni.

Al primo avvio ci verrà chiesto di impostare la qualità che dovranno avere le foto. Avremo a disposizione due opzioni: Qualità Originale e Risparmio spazio di archiviazione. Con il secondo, verrà utilizzato un algoritmo di compressione che riduce le foto a 16 MP qualora superiori, preservandone comunque una discreta qualità.

Una volta terminato il setup iniziale e impostato come e quando effettuare il backup, potremo scegliere quali cartelle sincronizzare automaticamente, tra il Rullino e Whatsapp, passando per i Download. La scelta più conservativa, probabilmente, è quella di mantenere la sincronizzazione automatica solo sul Rullino.

Infine, dopo aver atteso il completamento della sincronizzazione, sarà possibile eseguire il comando Libera Spazio, che potrete trovare accedendo al menu laterale con un tap sulla vostra foto profilo in alto a destra. In questo modo, l'app eliminerà automaticamente le foto che ha già salvato dal dispositivo, liberando in taluni casi quantitativi enormi di GB.

Ma non è finita qui. Infatti, ora che le vostre foto sono su Cloud, avrete modo di accedervi non solo sul vostro smartphone, ma su tutti i dispositivi su cui avete effettuato l'accesso con il vostro account Gmail. Potrete, quindi, ritrovarle sul vostro tablet scaricando l'app, su un nuovo smartphone se state cambiando dispositivo, ma anche sul PC, attraverso il sito ufficiale.

Quanto è interessante?
5