Ecco come la NASA vuole difendere la Terra dagli asteroidi

Ecco come la NASA vuole difendere la Terra dagli asteroidi
di

Il 15 Febbraio del 2013, una regione a sud della Russia è stata colpita da un meteorite di 15 metri e di dieci mila tonnellate, che si è sfrantumato sopra la città di Čeljabinsk, causando alcuni feriti.

Per evitare che accada un fenomeno simile, Amy Mainzer, la principale protagonista di questa missione di caccia agli asteroidi della NASA, ha trovato un modo semplice ma efficace per individuare questi oggetti vicino alla Terra, chiamati NEO (oggetto near-Earth).

"Se troviamo un oggetto a pochi giorni dall'impatto, limita enormemente le nostre scelte, quindi nei nostri sforzi di ricerca ci siamo concentrati sulla ricerca di questi NEO quando sono più lontani dalla Terra, fornendo la massima quantità di tempo e aprendo una più ampia gamma di possibilità di mitigazione ", ha detto Mainzer.

Ma non è per nulla un compito facile, visto che questi NEO sono solitamente molto lontani da noi e poco visibili. Per questo motivo i ricercatori vogliono sfruttare una caratteristica di molti asteroidi e comete, il loro calore, cosa che renderà facile la loro osservazione grazie al telescopio Near-Earth Object Wide-field Infrared Survey Explorer (NEOWISE).

Capire quanto sono grandi e di cosa sono composti sarà un elemento chiave nella lotta contro questi oggetti celesti. Ad esempio una strategia di difesa elaborata, sarebbe quella di spostare questi NEO dalla traiettoria di impatto con la Terra, ma per farlo devono conoscere dimensioni e composizione. Analizzare questi oggetti non sarà utile solo per la difesa, ma anche per capire come si è formato il sistema solare.

"Questi oggetti sono intrinsecamente interessanti perché alcuni sono considerati vecchi quanto il materiale originale che componeva il sistema solare", ha detto Mainzer.

FONTE: phys.org
Quanto è interessante?
5