Come scegliere una TV da gaming? Le caratteristiche importanti da conoscere

Come scegliere una TV da gaming? Le caratteristiche importanti da conoscere
di

La scelta di un nuovo televisore può essere guidata da necessità differenti: semplicemente la presenza del decoder DVB-T2 per adattarsi ai nuovi standard, dimensioni grandi per essere “avvolti” dalle immagini, o magari un prodotto generalmente valido per il gaming. Ma come scegliere un TV da gaming? Ci sono delle caratteristiche fondamentali.

Si parte, ovviamente, dal tipo di pannello e dalla sua diagonale: sul mercato si trovano soprattutto televisori con schermo LCD LED, più efficienti a livello energetico e con qualità visiva “normale”. Per salire di qualità bisogna passare ad alternative come i pannelli OLED, che sì ha un comparto video migliore e pure un’efficienza energetica superiore al LED, ma il tutto per un prezzo decisamente più elevato. Altrimenti, Samsung offre la tecnologia QLED per una migliore resa dei colori ma un consumo più elevato. Dettaglio ancor più importante per il gaming, però, riguarda i tempi di risposta dello schermo che, in questo caso, sono più bassi nel caso dei pannelli OLED.

A questo punto si deve vedere la diagonale dello schermo, che nel caso di un gamer idealmente non dovrebbe superare i 55 pollici anche per una questione di visione dell’intera interfaccia o magari mappa di gioco: dimensioni più elevate possono “avvolgere” maggiormente il giocatore, ma magari risultare dispersive. La risoluzione è altrettanto fondamentale, dato che ormai PS5 e Xbox Series X supportano il 4K (3840x2160 pixel) e, per questo, potrebbe essere ideale acquistare un TV che supporti tale risoluzione (ormai la maggior parte dei modelli sul mercato). Chi volesse spendere meno, però, può accontentarsi di un Full HD con risoluzione 1920x1080.

Lato funzionalità, invece, bisogna tenere conto di fattori come i tempi di risposta citati precedentemente e anche l’input lag, caratteristiche espresse in millisecondi (ms) e che più basse sono, ovviamente, meglio è. Una quota ideale sotto cui stare è quella dei 5ms. Sarebbero altrettanto gradite eventuali modalità gaming interne al televisore, il supporto a standard audio come Dolby Atmos (anche se l’utilizzo di cuffie di alta qualità può essere sufficiente) e standard visivi come l’HDR. Il refresh rate di 120Hz è una caratteristica da considerare altrettanto attentamente, assieme anche al supporto per l’HDMI 2.1, standard di cui abbiamo parlato nel dettaglio analizzando la differenza con HDMI 2.0.

Ma veniamo al dunque, elencandovi alcuni modelli particolarmente interessanti disponibili su Amazon:

  • Hisense 43AE7000F, Smart TV LED Ultra HD 4K 43", HDR 10+, Dolby DTS, con Alexa integrata, Tuner DVB-T2/S2 HEVC Main10 [Esclusiva Amazon - 2020]: 359 Euro
  • Samsung TV AU7190 Smart TV 50”, Crystal UHD, Wi-Fi, Titan Gray, 2021: 549 Euro
  • LG 43UP75006LF Smart TV LED 4K Ultra HD 43” 2021 con Processore Quad Core 4K, Wi-Fi, webOS 6.0, FILMMAKER MODE, Game Optimizer, Compatibile con Google Assistant e Alexa: 389 Euro
  • Samsung Crystal UHD 4K 2021 43AU9070 – Smart TV 43’’, Risoluzione 4K UHD, Processore 4K, HDR, Wi-Fi, Nero, [Efficienza energetica classe G]: 529 Euro
  • Sony KE55XH8096PBAEP Android Tv 55 Pollici, Smart Tv 4K Hdr Led Ultra Hd, con Assistenti Vocali Integrati: 949 Euro
  • LG OLED65C14LB Smart TV 4K 65", TV OLED Serie C1 2021 con Processore α9 Gen4, Dolby Vision IQ, Wi-Fi, webOS 6.0, FILMMAKER MODE, Google Assistant e Alexa Integrati, 4 HDMI 2.1, Telecomando Puntatore: 2.299 Euro

Altrimenti la scelta spetta a voi e alle vostre esigenze, tra spazi e prezzi. Vi ricordiamo, intanto, che abbiamo trattato anche la differenza tra TV 4K e 4K HDR.

Quanto è interessante?
2