Continuano a calare le vendite dell’iPhone, ma gli investitori restano fiduciosi

di

Dopo un trimestre da record alla fine del 2015, in cui Apple ha venduto il numero di iPhone più alto della sua storia, la società di Cupertino si è trovata di fronte ad un calo nelle vendite, ampiamente previsto anche da Tim Cook. Apple, infatti, nel trimestre fiscale scorso ha venduto 40,4 milioni di iPhone rispetto ai 51,2 milioni del trimestre precedente, e 47,5 milioni dello stesso periodo dello scorso anno.

Dal momento che l’iPhone rappresenta una grossa fetta del fatturato di Apple, tutto ciò ha avuto un impatto anche sugli utili, che sono passati da 49,6 miliardi di Dollari dello scorso anno a 42,4 miliardi del Q3 2016, per un calo complessivo del 15%, a ciò bisogna anche aggiungere che la società ha venduto poco meno di 10 milioni di iPad e le vendite del Mac sono state deludenti. L’altra faccia della medaglia è rappresentata dall’App Store e le sue entrate, che sono aumentate del 20% rispetto allo scorso anno.
Apple continua a guardare con interesse e fiducia al mercato cinese, nonostante l’agguerrita concorrenza a livello locale, rappresentata principalmente da produttori come Huawei e Xiaomi.
Nonostante ciò, esperti ed analisti sono convinti del fatto che si tratti di un calo fisiologico, a seguito di un periodo da record che ha portato l’azienda a vette davvero elevate in quanto a utili. E’ chiaro però che il lancio di iPhone 7 sarà di fondamentale importanza, dal momento che avrà il compito di risollevare le vendite. Da Wall Street però trapela fiducia, sebbene molto probabilmente non si tratterà di una rivoluzione.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0