Coronavirus, il ceppo europeo è 10 volte più contagioso di quello cinese?

Coronavirus, il ceppo europeo è 10 volte più contagioso di quello cinese?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Uno studio condotto da otto scienziati dello Scripps Research Institute e pubblicato su BioRxiv ha mostrato come il ceppo di SARS-CoV-2 presente in Europa sia sì notevolmente diverso rispetto quello identificato inizialmente a Wuhan in Cina, ma anche molto più contagioso. Perché?

Secondo questi studi il ceppo presente in occidente, denominato G614, è più resistente rispetto a quello originale cinese, chiamato D614. Tale maggiore resistenza è data da una mutazione specifica del virus per la quale la proteina spike, ovvero quella proteina che permette al coronavirus di legarsi alle cellule e penetrare in esse, non si stacca più una volta legatosi alle cellule umane ma rimane per moltiplicarsi rapidamente, aumentando così anche l’infettività.

In questo modo il ceppo europeo del COVID-19 sarebbe diventato addirittura 10 volte più forte e pericoloso di prima, ma non più letale. Sempre da quanto evidenziato dal team dell’istituto Scripps, questa mutazione avrebbe solo aumentato la possibilità di trasmissione tra esseri umani e non il tasso di letalità o i sintomi causati dal virus.

Sebbene questi studi trovino delle conferme anche in analisi precedenti condotte da altri scienziati come quelli dell’Università di Sheffield, dovranno ancora passare la fase di peer-review. Colleghi come il professore di virologia all’Università di Reading, Ian Jones, hanno però affermato che questi risultati non sarebbero sorprendenti. Anzi, si tratterebbe di semplici mutazioni naturali del virus, necessarie per permettergli di replicarsi più facilmente.

Questi risultati permettono una comprensione sempre maggiore del SARS-CoV-2, un virus che, secondo l’OMS, non causerà una seconda ondata.

FONTE: IFLScience
Quanto è interessante?
3