Coronavirus, Netflix riduce la qualità dello streaming in Italia e tutta l'UE

Coronavirus, Netflix riduce la qualità dello streaming in Italia e tutta l'UE
di

La notizia era nell'aria da qualche giorno, dato che si continua a parlare di reti messe a dura prova, ma adesso è ufficiale: Netflix ridurrà la qualità dello streaming video per 30 giorni in Italia e in Europa, in modo da evitare il più possibile che la visione dei contenuti del servizio vada a congestionare il traffico Internet.

In particolare, stando a quanto riportato da Engadget e Gizmodo, la scelta dell'azienda di Reed Hastings arriva dopo le richieste di Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno, che nella giornata del 18 marzo 2020 aveva chiesto al CEO di Netflix di limitare la visione di contenuti su Netflix ad alta qualità. In parole povere, sembra che per 30 giorni ci sarà una limitazione della qualità dello streaming, che potrebbe portare ad una riduzione della risoluzione dei video.

Un portavoce di Netflix ha dichiarato: "A seguito delle conversazioni tra il commissario Thierry Breton e Reed Hastings - e date le criticità straordinarie generate dal Coronavirus - Netflix ha deciso di ridurre il bitrate sui flussi di streaming in Europa per 30 giorni. Stimiamo che questo ridurrà il traffico legato a Netflix sui network europei di circa il 25% continuando al contempo ad assicurare un servizio di qualità ai nostri clienti".

Al momento in cui scriviamo, non è ancora chiaro quando partirà questo periodo (si presume già da oggi) e non si sa se la restrizione verrà applicata a tutti i contenuti o meno, ma non mancheremo di tenervi informati. Per il resto, dovete sapere che Breton ha chiesto anche agli altri servizi di streaming video, come YouTube, di limitare la qualità. Attualmente, la risposta ufficiale è arrivata solamente da Netflix, staremo a vedere cosa decideranno Google e le altre aziende.

Vi ricordiamo che in Italia abbiamo recentemente raggiunto i mille miliardi di bit scambiati al secondo. È stato rilevato che negli ultimi giorni molto del traffico è stato generato da piattaforme di streaming video, come appunto Netflix, e da videogiochi online come Fortnite.

La congestione della rete è un problema serio e coloro che hanno la necessità di lavorare tramite Internet, come chi vi scrive, non possono trovarsi con le reti congestionate da attività di secondaria importanza (questo senza ovviamente andare a minare l'intrattenimento, ma semplicemente abbassandone un po' la qualità, in modo da scendere a un compromesso accettabile da entrambe le parti).

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
15
Coronavirus, Netflix riduce la qualità dello streaming in Italia e tutta l'UE