Il Coronavirus fa schizzare gli ascolti televisivi: italiani incollati alle TV

Il Coronavirus fa schizzare gli ascolti televisivi: italiani incollati alle TV
di

L'emergenza Coronavirus che sta affrontando il nord Italia ha fatto riscoprire ai nostri connazionali la televisione. Secondo le rilevazioni Auditel, nel weekend sono crollati del 29,91% gli incassi delle sale cinematografiche, mentre sono schizzati verso l'alto gli ascolti televisivi.

In Emilia Romagna è stato registrato un picco del +7% per la prima serata, mentre complessivamente nel fine settimana appena trascorso hanno guardato in media la TV 11.262.103 spettatori, il 2,3% in più rispetto al weekend precedente. Ciò vuol dire che 260.805 persone sono rimaste a casa per paura di uscire o, semplicemente, hanno acceso la televisione alla ricerca di notizie.

Nella prima serata del weekend 21-23 Febbraio, 25.170.266 persone sono rimaste davanti alla TV, il 2,2% in più rispetto alla settimana precedente. L'incremento maggiore è stato registrato in Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna, le regioni maggiormente colpite dai contagi: in Lombardia è stato riportato un +3,6%, in Veneto +5%, in Piemonte +3,1% ed in Emilia Romagna +7%.

Non sono state diffuse informazioni sulle piattaforme di streaming come Netflix ed Amazon Prime, che sicuramente avranno riportato qualche impatto in termini di visualizzazioni, soprattutto nelle zone messe in quarantena dall'ordinanza del Governo per prevenire la diffusione del virus e contenere il Covid-19.

Proprio Netflix ieri ha annunciato l'introduzione di una funzione che permetterà di accedere istantaneamente ad una classifica degli show più visti.

Quanto è interessante?
4