Coronavirus, scoperta nuova mutazione che confonde le cellule

Coronavirus, scoperta nuova mutazione che confonde le cellule
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Secondo gli ultimi studi condotti dai ricercatori del University of Texas Health Science Center at San Antonio, il Coronavirus sarebbe in grado di illudere le cellule e infettarle grazie a un enzima prodotto dal virus stesso, chiamato nsp16, che permette all’mRNA virale di essere riconosciuto dalle cellule come parte del loro codice genetico.

È il team guidato dal Dr. Yogesh Gupta, assistente professore presso il Dipartimento di Biochimica e Biologia Strutturale alla UT Health San Antonio, ad avere scoperto l’enzima nsp16 e la sua struttura 3D. I risultati della ricerca, pubblicati su Nature Communications, permetteranno la creazione di nuovi farmaci antivirali appositi per inibire l’enzima in questione. In questo modo il sistema immunitario potrà riconoscere il virus e rispondere all’infezione.

Il professore e decano della Long School of Medicine Robert Hromas, che ha lavorato assieme al Dr. Gupta, ha affermato che “il lavoro di Yogesh ha permesso di capire la struttura dell’enzima e i punti da attaccare per inibirlo. Questo è un passo in avanti fondamentale per comprendere meglio il COVID-19”.

Qualche giorno fa è giunta un’altra ottima notizia riguardo il coronavirus: il vaccino sviluppato a Oxford sembrerebbe funzionare, come dimostrano gli ultimi test condotti su un campione di 1.077 persone. D'altro canto, però, in questo mese si è raggiunto il record globale di contagi in 24 ore.

Quanto è interessante?
4