Coronavirus in USA accelera, mentre il 40% degli americani crede che il peggio sia passato

Coronavirus in USA accelera, mentre il 40% degli americani crede che il peggio sia passato
di

Una nuova ricerca ha mostrato che il 40% degli americani crede che il peggio dell'epidemia COVID-19 sia già passato, anche se i funzionari sanitari avvertono che l'accelerazione della pandemia globale deve ancora raggiungere il suo picco. Tuttavia, il 59% degli americani si aspetta che i problemi peggiori devono ancora arrivare.

Solo due mesi prima, il 73% degli intervistati in uno studio separato aveva affermato di ritenere che il peggio dovesse ancora arrivare. I risultati del nuovo studio, sono basati su un campione rappresentativo a livello nazionale di 4.708 adulti statunitensi selezionati casualmente. Sfortunatamente, la situazione è ben diversa.

La scorsa settimana, i dati della Johns Hopkins University hanno rivelato che le infezioni globali hanno ormai superato i 10 milioni. Oltre 500.000 decessi a livello globale sono ora attribuiti al nuovo coronavirus. Oltre un quarto di questi casi - circa 2,58 milioni - si sono verificati negli Stati Uniti. Il numero di nuovi casi negli Stati Uniti ha iniziato a stabilizzarsi ad aprile e maggio, registrando a giugno, però, una significativa ripresa delle trasmissioni, con il paese che ha ripetutamente superato il record giornaliero di nuove infezioni da Covid-19.

Sono passati quasi cinque mesi dal giorno in cui l'epidemia di coronavirus è stata dichiarata un'emergenza sanitaria globale, e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) avverte che la pandemia di COVID-19 è lungi dall'essere finita, esortando governi e comunità a fare tutto il possibile per fermare la diffusione di il virus. "Il peggio deve ancora venire", ha affermato ai media questa settimana il direttore generale dell'OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Quanto è interessante?
2