Il corpo di un capodoglio di 12 metri è stato recuperato dal Tamigi

Il corpo di un capodoglio di 12 metri è stato recuperato dal Tamigi
di

Gli scienziati della Zoological Society di Londra hanno esaminato un capodoglio lungo 12.4 metri che è stato recuperato dall'estuario del Tamigi dopo essersi arenato a Swale, un distretto locale del Kent. Le indagini sulla carcassa aiuteranno gli esperti a scoprire la causa della morte della creatura e a capire perché si trovasse in queste acque.

Il capodoglio è il più grande di tutti gli Odontoceti e il più grande animale vivente munito di denti: misura infatti fino a 18 metri di lunghezza. Questi animali migrano stagionalmente per riprodursi e nutrirsi. Mentre gli esemplari femmina restano con i loro piccoli per accudirli, proteggerli e cooperare con gli altri membri dello stesso sesso, gli esemplari maschi sono dei lupi solitari che vagano da soli al di fuori della stagione degli amori.

Dopo aver recuperato la carcassa del capidoglio ed aver analizzato il contenuto dei suoi quattro stomaci, i ricercatori del Cetacean Strandings Investigation Program (CSIP) avevano paura che l'animale fosse deceduto per colpa della plastica (non sarebbe la prima volta). Sorprendentemente, però, i suoi stomaci erano completamente vuoti.

La creatura, infatti, sembra essere morta per malnutrizione, così come hanno affermato anche gli esperti. "I risultati sono coerenti con lo sviluppo dal vivo di un individuo fuori dall'habitat. I capodogli si trovano normalmente residenti in acque molto più profonde e il Mare del Nord meridionale può essere considerato un habitat anormale per le specie in quanto non sono in grado di nutrirsi", ha dichiarato Rob Deaville, responsabile del progetto CSIP della ZSL.

Gli addetti ai lavori, adesso, esamineranno più attentamente la carcassa dell'animale, così faranno luce sulla vita di questo individuo, sulle condizioni dei nostri oceani e potrà darci una mano sui futuri sforzi di conservazione di queste creature.

FONTE: iflscience
Quanto è interessante?
3