Cos'è la Convenzione sulle armi chimiche del Protocollo di Ginevra?

Cos'è la Convenzione sulle armi chimiche del Protocollo di Ginevra?
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Quando si parla di guerra, molto spesso si sente anche parlare della Convenzione sulle armi chimiche del protocollo di Ginevra, ma cos'è e a che cosa serve? Tutto ebbe inizio a Ginevra il 17 giugno 1925, quando diversi paesi firmarono un trattato che proibiva l'uso di armi chimiche e biologiche all'interno dei conflitti armati internazionali.

L'uso di armi chimiche su larga scala avvenne per la prima volta a Ypres, in Belgio, nel 1915, quando l'Impero Tedesco utilizzò il gas cloro nella battaglia di Gravenstafel. Dopo questo evento, la maggior parte dei paesi del mondo - come Regno Unito, Russia, Stati Uniti, Italia - iniziarono ad armarsi con questi terrificanti armamenti.

Così come potrete immaginare, quindi, vennero sviluppati dei composti in grado di colpire polmoni, la pelle o gli occhi. Nel 1918, circa una granata su tre era piena di pericolosi agenti chimici e si contarono circa 1,3 milioni di vittime. Non solo soldati: queste armi venivano utilizzate anche sui civili e si contarono circa 100.000-260.000 vittime.

A causa degli effetti devastanti delle armi chimiche durante la prima guerra mondiale, l'uso di armi chimiche è stato proibito a partire dal 1925. La Convenzione vieta lo sviluppo, la produzione, lo stoccaggio, la fornitura e l'impiego di armi chimiche durante i conflitti armati. Nel 1997 venne esteso e il divieto comprende anche lo sviluppo, la produzione, lo stoccaggio e la fornitura di queste pericolosissime e crudeli armi.

Quanto è interessante?
1