Cosa bevevano i faraoni? Uno studio mette in luce una scoperta sorprendente

Cosa bevevano i faraoni? Uno studio mette in luce una scoperta sorprendente
di

Cosa bevevano i Faroni? Residui di lievito ci svelano questo interrogativo Gli scienziati della School of Dental Medicine dell'Università Ebraica di Gerusalemme (HUJI) sono riusciti a risalire al lievito usato nell’antichità per produrre la birra.

La birra era, infatti, un alimento estremamente importante nella vita quotidiana degli antichi, non solo per scopi alimentari ma anche religiosi, curativi.

La ricerca, condotta dai microbiologi Ronen Hazan e Michael Klutstein, si è concentrata sullo studio dei nano-pori delle ceramiche antiche che hanno fatto riemergere colonie di lieviti antiche di migliaia di anni. Da esse sono riusciti a riprodurre quello stesso lievito, riuscendo quindi a farci assaggiare la stessa birra che bevevano re e faraoni.

Un lavoro multidisciplinare che ha visto protagonisti scienziati, cuochi, viticoltori e archeologi dell'Autorità israeliana per le antichità (IAI) e delle Università di Bar Ilan e di Tel Aviv che hanno fornito la materia prima da analizzare, ovvero frammenti di brocche risalenti al regno del faraone egiziano Narmer (circa 3000 a.C.), del re arameo Hazael (800 a.C.) e del profeta Neemia, governatore della Giudea (400 a.C.).

I ricercatori sono riusciti ad isolare il genoma dai campioni di lievito, successivamente analizzati dal Centro scientifico Mar Morto-Arava.

E’ emerso che queste sostanze non sono poi dissimili da quelle utilizzate per produrre bevande tipiche africane come, ad esempio, il tej etiope al miele ma anche lo stesso lievito di birra.

L’antica birra è stata poi riprodotta dagli scienziati con il supporto di una esperta di birra israeliana e da assaggiatori certificati sotto la direzione del birraio Biratenu Shmuel Nakai. I test hanno poi confermato che la bevanda è sicura al 100% e di alta qualità.

Questa ricerca è particolarmente importante nell’ambito dell’Archeologia sperimentale, nuovo ramo della disciplina che tenta di ricostruire fisicamente il passato, grazie anche e soprattutto alle nuove tecnologie in continuo aggiornamento.

E’ la prima volta che si riesce a ricostruire alcol antico da lievito antico, originale.

Con ironia, il professor Aren Maeir del Dipartimento di Studi e Archeologia della Terra di Israele dell'Università Bar-Ilan afferma: “Questi risultati dipingono un ritratto che sostiene l'immagine biblica dei Filistei ubriachi.”

Quanto è interessante?
11
Cosa bevevano i faraoni? Uno studio mette in luce una scoperta sorprendente