Ecco cosa sta facendo la NASA per tenere il COVID-19 fuori dalla stazione spaziale

Ecco cosa sta facendo la NASA per tenere il COVID-19 fuori dalla stazione spaziale
INFORMAZIONI SCHEDA
di

Il 9 aprile 2020 tre astronauti saranno lanciati verso la Stazione Spaziale Internazionale e resteranno in orbita intorno al nostro pianeta per mesi. La recente pandemia da COVID-19 ha fermato il mondo e, ovviamente, anche gli astronauti non possono permettersi di portare il virus all'interno della stazione orbitante.

Le forniture mediche sono limitate all'interno dell ISS e un viaggio di emergenza a casa potrebbe essere sia rischioso che complicato. Quindi, per pianificare il peggio, le agenzie spaziali americane e russe hanno intensificato le loro misure preventive in vista del lancio dell'astronauta Chris Cassidy e dei cosmonauti Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner.

Le preoccupazioni del coronavirus hanno già avuto un impatto sul volo spaziale e sulla scienza spaziale. Per impedire alle malattie - incluso il COVID-19 - di diffondersi nello spazio, la NASA e Roscosmos, mantengono gli astronauti in quarantena per settimane prima di un volo. Questo processo di quarantena non è nuovo, quindi gli astronauti sono abituati a tali precauzioni.

"Il programma ISS ha sempre avuto i requisiti necessari per evitare che qualsiasi agente patogeno venga trasferito all'ISS e quindi potenzialmente all'equipaggio di condotta", afferma un portavoce della NASA. "I processi in atto sono stati molto efficaci in questo senso." Questa volta, sia le agenzie spaziali americane che russe stanno prendendo la quarantena ancora più seriamente del solito.

Gli astronauti vengono messi in quarantena due settimane prima del loro volo nel sito di lancio in Kazakistan; ma, tradizionalmente, "escono fuori" per posizionare dei fiori nella tomba di Yuri Gagarin, il primo umano a volare nello spazio. Questa tradizione e tutte le altre visite sono state annullate, secondo quanto riferito da The Guardian. Le agenzie spaziali, inoltre, hanno anche prolungato il periodo di quarantena.

NASA e Roscosmos stanno anche adottando altre misure: il personale di supporto tecnico indosserà indumenti protettivi e guanti mentre gestiscono il carico e preparano l'equipaggio e la capsula per il lancio. Anche il personale è stato tenuto in quarantena, cosa che in genere non viene eseguita. Insomma, il nuovo coronavirus sta preoccupando davvero tutti.

FONTE: astronomy
Quanto è interessante?
3