Ecco a cosa servivano le misteriose sfere di pietra usate dagli uomini del Paleolitico

Ecco a cosa servivano le misteriose sfere di pietra usate dagli uomini del Paleolitico
di

Sono state trovate, all'interno di un sito Paleolitico, una serie di pietre sferiche ben modellate che servivano a rompere le ossa ed estrarre il midollo.

Sono state rinvenute alcune decine di pietre dalla forma rotondeggiante, leggermente spigolose, in un sito del Paleolitico chiamato Qesem Cave. Il sito è stato occupato dai nostri antenati dal 400.000 al 200.000 circa. L’uso di queste pietre è incerto ma uno studio dell’Università di Tel-Aviv, in Israele, pubblicato su PLOS ONE, potrebbe aver finalmente svelato il mistero dietro a questi strumenti degli uomini primitivi. Si sa, i nostri antenati fabbricavano degli strumenti che li aiutavano durante la caccia e a sopravvivere in situazioni difficili. Uno dei più importanti problemi che l’uomo primitivo doveva risolvere era avere sufficiente cibo per sopravvivere. Una fonte di cibo molto importante era rappresentata dal midollo osseo che si trova all'interno delle ossa, per l’appunto.

Le ossa sono, però, difficili da rompere perché estremamente dure e resistenti, rese poi scivolose dalle sostanze biologiche in esse presenti. Per rompere quindi lo strato osseo e raggiungere il midollo gli uomini primitivi usavano, come ci dice la ricerca, probabilmente queste pietre che, loro stessi, hanno modellato in modo che fossero delle sfere, facili da impugnare, con delle zone sporgenti che avrebbero facilitato la rottura delle ossa. Gli scienziati hanno dedotto l’utilizzo di questi strumenti esaminando e studiando a fondo 29 pietre che sono state trovate nel sito. Dallo studio sono emersi alcuni dati: 10 delle 29 pietre sferiche erano usurate e l’usura era compatibile con quella che si ha se fossero state usate per colpire violentemente del materiale biologico come ossa spugnose e compatte, collagene e grasso.

Altro dato interessante è che questi strumenti non provengono dal Qesem Cave ma da un’altra zona. Questo sta a significare che, forse, questi oggetti sono stati trovati e riutilizzati dai nostri antenati e che hanno subito capito cosa fossero e a cosa servissero quegli strumenti. Successivamente se li sarebbero portati nella loro zona e, invece di ricrearne altri ex novo hanno, giustamente, preferito riutilizzare quelli che hanno trovato, riadattandoli alle loro esigenze.

Quanto è interessante?
4