Cosa significano questi curiosi termini astronomici? Scopriamoli insieme

Cosa significano questi curiosi termini astronomici? Scopriamoli insieme
di

Il mondo dello spazio e dell'astronomia attrae moltissimi curiosi ogni giorni, ma spesso in questo campo si può incappare in termini e parole che possono fuorviare o spiazzare per via del loro significato non sempre chiarissimo. Apprendiamo le più gettonate, fino ad addentrarci in quelle più specifiche.

Quanti di voi spesso hanno provato ad approcciarsi all'astronomia, ma magari sono rimasti spesso sconvolti dalla quantità di parole e termini che vanno imparati per bene prima di poter apprezzare a pieno la materia? Un po' come tutte le grandi passioni, anche lo spazio e il cosmo richiedono una certa dose di concentrazione. Bisogna ricordarsi che "nessuno è nato già istruito", e che non c'è motivo di spaventarsi di fronte a termini poco chiari.

Eccovi un esempio di cinque concetti che incontriamo spessissimo qui sulle nostre pagine di scienza di Everyeye, ma che non sempre sono chiare fin da subito:

  • Apsidi: si tratta molto semplicemente dei punti "estremi" che identificano un'orbita ellittica. Il punto più lontano da uno dei fuochi dell'orbita viene chiamato "apoapside", mentre quello più vicino "periapside".

    Immaginiamo il più classico degli esempi, il Sole e la Terra. Quando il nostro pianeta compie la sua rivoluzione intorno alla stella, traccia una traiettoria non perfettamente circolare, cioè un'ellisse. Quando la Terra è al punto di massima lontananza dal Sole è nell'apoapside, viceversa nel periapside (nel sistema Terra-Sole prendono i nomi più specifici di afelio e perielio, ma sono praticamente la stessa cosa);

  • Parsec: una normale unità di misura di scala galattica. A volte, invece di usare il classico Anno Luce(AL) si preferisce usare il "Parsec", che corrisponde a 3,2615637 AL. Il suo nome deriva dalla condensazione del termine "parallasse di un secondo d'arco". Spiegare il suo significato potrebbe richiedere troppo tempo (e troppi caratteri), ma vi basti sapere che è l'unità di riferimento preferita dagli astronomi soprattutto quando si parla di oggetti celesti piuttosto vicini. Misurare in parsec le distanze fornisce una precisione rispetto a quella degli anni luce, ma solo fino ad un certo limite (cioè non oltre i 400AL circa);

  • Centro di Massa: potrà sembrare un'ovvietà, ma spesso il termine centro di massa (CM), genera confusione, soprattutto se si sta parlando di un sistema complesso di pianeti o di un sistema stellare. Spesso viene anche chiamato baricentro, e indica sostanzialmente il punto corrispondente dove il valore medio della massa si distribuisce.

    Esempio pratico prendendo in considerazione la Terra e la Luna: molto spesso siamo stati abituati a pensare che è la Luna a girare intorno alla Terra ma in realtà, ad essere super precisi, sono entrambi i corpi celesti che ruotano intorno al loro baricentro comune. Sommando la massa dei due corpi, e dividendola per due, si scopre facilmente che il CM di tale sistema è posto a 4.600 km di distanza dal centro ideale della Terra (l'immagine in calce alla news vi schiarirà le idee);

  • Congiunzione & Opposizione: sono due termini astronomi che identificano delle specifiche configurazioni planetarie. Solitamente il punto di riferimento che non cambia mai è la Terra, che viene relazionata con un altro pianeta e la sua posizione rispetto al Sole.

    Se i due corpi celesti giacciono sullo stesso asse ma fra di loro vi si interpone il Sole, allora si parla di Congiunzione. Se giacciono sullo stesso masse, ma è la Terra a trovarsi tra Sole e pianeta X allora si parla di opposizione (ed è anche uno dei momenti migliori in cui osservare il pianeta prescelto)

Conoscevate già questi termini? Vi son sembrati complicati? Se avete ulteriori spunti lasciateci le vostre idee nei commenti, e magari ne parleremo nei nostri prossimi appuntamenti astronomici!

Quanto è interessante?
4
Cosa significano questi curiosi termini astronomici? Scopriamoli insieme