Cosa ci sarà dopo la Stazione Spaziale Internazionale? Ecco i piani della NASA

Cosa ci sarà dopo la Stazione Spaziale Internazionale? Ecco i piani della NASA
di

La Stazione Spaziale Internazionale si sta dirigendo verso la fine della sua vita e massimo entro il 2030 andrà in pensione... deorbitando nella nostra atmosfera, disintegrandosi. Proprio recentemente, la NASA ha discusso con i membri del Congresso i piani dell'agenzia per il volo spaziale orbitale dopo la fine della Stazione Spaziale.

L'agenzia spaziale americana ha intenzione di mantenere una presenza stabile intorno al nostro pianeta e, per farlo, potrebbe avviare delle collaborazioni con delle stazioni spaziali private o commerciali. Attualmente, infatti, l'ISS costa all'incirca 3-4 miliardi di dollari all'anno, mentre collaborando con altre realtà simili, potrebbe risparmiare 1 miliardo di dollari all'anno.

La NASA ha delineato una serie di cosiddetti "indicatori di transizione" per mantenere una presenza statunitense nell'orbita terrestre bassa. Nel frattempo, la Russia sembra aver intenzione di abbandonare la Stazione Spaziale il più presto possibile, a causa di un rapporto sempre più teso tra le due agenzie, e di iniziare a collaborare con la Cina con cui ha già preso diversi accordi (come la costruzione di una base sulla Luna).

Inoltre, recentemente la stazione orbitante sembra star avendo diversi problemi. "Per far funzionare la stazione spaziale dovevamo stare vicini, sederci attorno al tavolo e risolvere i problemi", ha dichiarato l'ex astronauta e comandante del primo equipaggio della stazione spaziale William Shepherd. "Non abbiamo quella correlazione con le nostre controparti russe in questo momento".

Il futuro della NASA dopo la fine della Stazione Spaziale Internazionale? Collaborazioni con partner privati e il programma Artemis.

FONTE: space
Quanto è interessante?
3