Costa Rica, è di nuovo record: 300 giorni solo con energia da fonti rinnovabili

di
La repubblica di Costa Rica ha messo a segno un nuovo record nel settore delle energie rinnovabili. Il piccolo Paese sudamericano ha infatti battuto se stesso: nel 2017 la produzione di energie rinnovabili ha coperto il 99,62% del fabbisogno nazionale. Una performance che supera anche i record del 2015 e del 2016.

La nazione dell'America centrale nel 2017 si è alimentata esclusivamente con le energie rinnovabili per 300 giorni. L'ha fatto sapere l'Instituto Costarricense de Electricidad (Gruppo ICE), annunciando dati alla mano che il Costa Rica ha passato 300 giorni dell'anno usando solo energia pulita. Nel 2016 si era fermato a 271 giorni, mentre nel 2015 era arrivato a 299.

La Costa Rica conta circa 4,8 milioni di abitanti, ossia poco più della metà dei cittadini di Londra. Il grosso del lavoro viene svolto dagli impianti idroelettrici, dall’acqua arriva infatti il 78,26% dell’elettricità utilizzata a livello nazionale. Al mix si aggiunge anche il 10,29% fornito dall’eolico, un 10,23% di geotermia e uno 0,84% di sole e biomasse. Le fonti rinnovabili soddisfano quindi il 99,62% del fabbisogno.

Il piccolo stato punta perà a diventare totalmente "carbon neutral" nel 2021. L’approccio scelto include anche i trasporti. Al congresso vi sono due proposte di legge per la mobilità alternativa che, se approvate, introdurrebbero sgravi fiscali sulle importazioni di e-car, creando una rete nazionale di stazioni di ricarica, e obbligherebbero a elettrificare una quota del parco auto pubblico. È inoltre il primo Paese ad aver firmato un accordo con la compagnia aerea olandese Klm per diminuire le emissioni di CO2 dell’aviazione.